Continuano i controlli per contrastare il fenomeno delle illegalità nel ciclo dei rifiuti nelle province di Napoli e Caserta

Condividi

Esercito e le forze di Polizia proseguono nell’opera di contrasto dei reati ambientali nel territorio della “Terra dei Fuochi”

Caserta, 17 settembre 2020. Le operazioni di controllo straordinario del territorio per contrastare il fenomeno delle illegalità nel ciclo dei rifiuti, nelle province di Napoli e Caserta, su programmazione dell’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella Regione Campania. L’Esercito, in collaborazione con le forze di Polizia, ha effettuato dei controlli straordinari del territorio, nel Comune di Sant’Antimo e Grumo Nevano per la provincia di Napoli e nei Comuni di Sessa Aurunca e Cellole per la provincia di Caserta.

NARDONE

In campo, 19 equipaggi per un totale di 50 unità interforze appartenenti al Raggruppamento Campania dell’Esercito (su base 21° Reggimento genio guastatori), alla Polizia Provinciale di Caserta, ai Carabinieri Forestale di Napoli e Piedimonte Matese (Ce), al “ROAN” della Guardia di Finanza di Napoli, alla Guardia di Finanza di Frattamaggiore (Na) e Sessa Aurunca (Ce), alla Polizia di Stato di Frattamaggiore (Na) e Sessa Aurunca (Ce), ai Carabinieri di Sant’Antimo (Na) e Cellole (Ce),  alla Polizia Municipale  Cellole (Ce), all’ASL di Sessa Aurunca (Ce).

Controllate 06 attività imprenditoriali e commerciali, 05 sanzionate, 66 persone identificate, di cui 22 denunciate tra lavoratori irregolari e rei di illeciti ambientali, 05  autoveicoli/autocarri controllati, oltre 100 mq di aree sequestrate e oltre 47mila euro di sanzioni comminate.

I reati contestati sono quelli di gestione e smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti di lavorazione.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]