Consorzio di Bonifica Integrale Comprensorio Sarno, il TAR riconosce le ragioni di Ferrigno e Sirica. Cirielli (FdI): “Oggi celebriamo una vittoria di libertà”

Condividi

Storiche le sentenze del TAR Campania, che riconosce le ragioni di Umberto Ferrigno ed Enrico Sirica, candidati alle ultime elezioni al Consorzio di Bonifica Integrale Comprensorio Sarno. I giudici amministrativi, infatti, hanno accolto i ricorsi presentati da Ferrigno e Sirica – rappresentati e difesi dagli avvocati Antonio Bruno, Gianpio De Rosa e Luigi Napoli – contro il Consorzio, difeso dall’avvocato Lorenzo Lentini, con i quali venivano richiesti l’annullamento del verbale della sezione elettorale centrale che aveva pubblicato in data 12.07.2022 i risultati delle elezioni consortili e il prospetto generale dei voti complessivi riportati dai singoli candidati. Ferrigno e Sirica, insieme ad altri contribuenti, avevano proposto le loro singole candidature in concorso all’unica lista di candidati presentata. Nell’attribuzione dei seggi – e, quindi, nell’individuazione degli eletti – è stato riconosciuto dai giudici amministrativi la violazione dello statuto consortile. In virtù delle predette sentenze, saranno eletti componenti del Consiglio dei Delegati del Consorzio oltre a Ferrigno e Sirica, anche i contribuenti Salvatore Annunziata e Bruno Cuomo.

“Oggi grazie anche alla giustizia amministrativa celebriamo una vittoria di libertà. Il Consorzio, dopo essere stato per lunghi anni commissariato, è da alcuni decenni appannaggio esclusivo della sinistra deluchiana e del suo sistema sul territorio.  Finalmente, grazie al coraggio e all’impegno caparbio di alcuni contribuenti, che hanno avuto il nostro convinto sostegno, è stato abbattuto il muro posto nel Consorzio a difesa dell’assoluto e incontrastato dominio politico e di potere della sinistra”. Lo dichiara il Questore della Camera e deputato campano di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]