Consegnato al Comune di Quarto un nuovo immobile confiscato al clan camorristico Polverino

Condividi

Consegnato al Comune di Quarto un nuovo immobile confiscato al clan camorristico Polverino: una villa del valore catastale di oltre mezzo milione di euro e composta da 8 stanze, disposte su 3 livelli, con patio e giardino è stata consegnata ieri mattina dai funzionari dell’Agenzia nazionale per la gestione e l’amministrazione dei beni confiscati (ANBSC) al sindaco di Quarto, Antonio Sabino. Si tratta di un immobile confiscato definitivamente a seguito delle indagini della DDA di Napoli sul clan Polverino. Insieme al Sindaco Sabino e al funzionario del settore Beni confiscati del Comune di Quarto c’erano anche il capitano Vincenzo Davide che guida la Tenenza Carabinieri di Quarto, il maresciallo Gaetano Casolaro della Polizia Locale di Quarto e i delegati dell’ANBSC Emilio Somma, Maria Trofi funzionaria che segue le confische di Quarto e Laura Della Corte. Il Sindaco Antonio Sabino, poi, ha tenuto una riunione operativa nella sede di Castel Capuano dell’Agenzia nazionale ANBSC con la direttrice della sede regionale, la dottoressa Daniela Lombardi, l’assessore  comunale ai Beni confiscati Raffaella De Vivo e il Responsabile del Servizio beni confiscati di Quarto. “Ringrazio la dottoressa Lombardi per essere un continuo e costante punto di riferimento istituzionale non solo per il Comune di Quarto ma anche per tutti gli altri enti destinatari di beni confiscati- dice il consigliere metropolitano con delega al Patrimonio e sindaco di Quarto Antonio Sabino – Con l’Agenzia abbiamo avviato un confronto ampio, che riguarda anche il patrimonio della Città Metropolitana, da valorizzare al meglio anche attraverso progetti sociali e di riuso sostenibile dei beni. Va potenziata la rete nel solco della legalità. A Quarto, tra qualche giorno, consegneremo le chiavi di due ville assegnate con bando pubblico per trasformale in case dell’autismo e pubblicheremo entro questo fine settimana ancora un altro bando pubblico per assegnare la gestione del Centro Anziani. Ringrazio, poi, le forze dell’ordine e in particolare l’Arma dei Carabinieri per il costante dialogo per la tutela di questi beni confiscati sul nostro territorio e per la sinergia istituzionale nel solco della legalità, d’intesa con procura e prefettura”.
La villa consegnata ieri  è un altro bene che va ad arricchire il Patrimonio di beni confiscati alla camorra ed assegnati al Comune di Quarto (elenco completo sul sito web istituzionale www.comune.quarto.na.it nel link “Beni confiscati”). Questo immobile sarà destinato per finalità sociale-istituzionale

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]