Conoscere e approfondire la Moldova

Condividi

Assistiamo ad una forte crescita dei rapporti diplomatici, commerciali e politici tra Italia e Moldova e tale rapporto va studiato, sviscerato e compreso. La Moldova è un paese giovane, che guarda con estremo interesse all’Europa, che si trova oggi in un periodo di transizione verso una vera economia di mercato, un Paese in crescita: se nel 2009 la Moldova era in crisi, nel 2014 il tasso di crescita risulta essere del 4,6%; il rating “doing business” è salito del 19%. Fino a qualche anno fa, la bilancia degli scambi commerciali moldavi era orientata verso l’est, poi l’embargo russo ai vini ed alla frutta locale ha portato il 53% dell’export verso l’Unione Europea. Nel dossier dell’analista geopolitico Domenico Letizia, intitolato “Conoscere la Moldova. Opportunità per le imprese, i vantaggi del mercato locale e le relazioni diplomatiche economiche internazionali”, Letizia illustra i vantaggi economici per chi guarda alla Moldova, senza dimenticare di descrivere l’attualità dei rapporti diplomatici e politici del paese con l’Europa, la Russia e gli Usa. La Repubblica di Moldavia si configura come un importante mercato economico per gli investimenti esteri in diversi settori, tra cui si evidenziano quello dell’agribusiness, dell’industria leggera e dei servizi logistici. L’Italia ha aumentato negli anni la propria presenza ed i propri investimenti in loco a dimostrazione dovuti al collegamento che il paese ha sia con lo spazio dell’Unione Europea sia con lo spazio post-sovietico, in special modo la Russia. Per gli investitori del settore industriale, la Repubblica di Moldova offre ottime condizioni nei Parchi Industriali e nelle Zone Economiche Libere con incentivi fiscali ed amministrativi, sostegno da parte del Governo e regimi di commercio libero per un mercato di 800 milioni di consumatori nell’Ue e CSI.

NARDONE

Dato il costo del trasporto e della manodopera, la Moldavia potrebbe competere con la Cina nell’attrazione delle imprese straniere in cerca di bassi costi di produzione. A gennaio – ottobre 2012 sono state registrate delle crescite della produzione dei macchinari e apparecchiature elettriche – con 35,8%; la produzione dell’attrezzatura e apparecchi radio, televisione e comunicazioni – con 23,8%, la produzione di attrezzatura e strumenti medicali, di precisione, ottica – con 20,5%; la fabbricazione dei prodotti tessili – del 7,3%; la produzione di altri prodotti dai minerali non metallici – del 2,8%; l’industria chimica – del 0,9%. L’industria leggera è al secondo posto tra i settori di esportazione dell’economia nazionale, ed al primo posto vi è l’industria alimentare. Dal 2004, l’industria leggera fornisce più di 1/4 del totale delle esportazioni della Repubblica Moldavia. L’industria leggera è un settore chiave dell’industria manifatturiera che da posti di lavoro a circa il 13% della popolazione attiva ed è la seconda categoria di esportazione per dimensione. La firma dell’Accordo di Associazione e Libero Scambio con l’Unione Europea nel 2014 e la liberalizzazione del regime dei visti hanno rappresentato una dimostrazione tangibile dei rapporti sempre più stretti della Moldavia con l’Unione Europea.

Per acquistare l’e-book, a soli 0.99 Euro, cliccare al seguente link: 

https://www.bookrepublic.it/book/9788892683952-conoscere-la-moldova-opportunita-per-le-imprese-i-vantaggi-del-mercato-locale-e-le-relazioni-diplomatiche-economiche-internazionali/?tl=1

 

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]