Conflitto Russia – Ucraina, Zelenskiy: “Con Russia colloqui di pace più ‘realistici”

Condividi

Circa 20.000 persone sono riuscite a fuggire dal porto assediato di Mariupol con auto private, afferma il ministero dell’Interno ucraino, ma centinaia di migliaia rimangono intrappolate dai bombardamenti russi, molte senza riscaldamento, elettricità o acqua corrente.

I colloqui di pace continuano e in un accenno di un possibile compromesso, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha affermato che il suo paese è pronto ad accettare garanzie di sicurezza dall’Occidente che si fermano prima del suo obiettivo a lungo termine di aderire alla NATO.

Mosca vede qualsiasi futura adesione dell’Ucraina all’alleanza occidentale come una minaccia e ha chiesto garanzie che non si unirà mai.

Le forze russe si sono concentrate su Mariupol, bombardandola costantemente nelle ultime due settimane, poiché è una città chiave sulla costa del Mar d’Azov di cui devono ottenere il controllo per spingersi più a ovest.

Funzionari ucraini stimano che più di 2500 residenti siano stati uccisi nei combattimenti e che almeno 200.000 abbiano urgente bisogno di evacuazione.

Mosca non ha catturato nessuna delle 10 città più grandi dell’Ucraina dopo la sua invasione iniziata il 24 febbraio, il più grande assalto a uno stato europeo dal 1945.

Forze russe in lotta

Le forze russe stanno lottando per superare le sfide poste dal terreno ucraino, secondo il Ministero della Difesa britannico in un rapporto dell’intelligence mercoledì.

Le truppe russe sono rimaste in gran parte legate alla rete stradale ucraina e hanno dimostrato una riluttanza a condurre manovre fuoristrada. La distruzione dei ponti da parte delle forze ucraine ha anche svolto un ruolo chiave nello stallo dell’avanzata russa.

E la continua incapacità della Russia di ottenere il controllo dell’aria ha drasticamente limitato le sue opzioni.

“Le tattiche delle forze armate ucraine hanno sfruttato abilmente la mancanza di manovra della Russia, frustrando l’avanzata russa e infliggendo pesanti perdite alle forze d’invasione”, afferma il rapporto.

Zelenskiy ha affermato che i colloqui di pace di mercoledì suonavano più realistici ma era necessario più tempo, poiché gli attacchi aerei russi hanno ucciso cinque persone nella capitale Kiev e il conteggio dei rifugiati dall’invasione di Mosca ha raggiunto i 3 milioni.

La guerra potrebbe finire prima del previsto

Funzionari ucraini hanno espresso la speranza che la guerra possa finire prima del previsto, forse entro maggio, dicendo che Mosca potrebbe venire a patti con la sua incapacità di imporre un nuovo governo con la forza e con l’esaurimento di nuove truppe.

“Gli incontri continuano e, mi risulta, le posizioni durante i negoziati suonano già più realistiche. Ma è ancora necessario del tempo affinché le decisioni siano nell’interesse dell’Ucraina”, ha detto Zelenskiy in un discorso video prima del prossimo round di colloqui.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden farà la sua prima visita in Europa da quando la Russia ha invaso l’Ucraina per discutere la crisi con gli alleati della NATO la prossima settimana, ha affermato la Casa Bianca.

Biden parteciperà a una riunione dei leader della NATO presso la sede dell’alleanza militare a Bruxelles il 24 marzo.

Biden dovrebbe annunciare ulteriori 800 milioni di dollari in assistenza alla sicurezza all’Ucraina, ha affermato un funzionario della Casa Bianca.

Nuovi modi per scoraggiare la futura azione militare russa

La NATO dirà mercoledì ai suoi comandanti militari di elaborare piani per nuovi modi per dissuadere la Russia da future azioni militari, tra cui più truppe e difese missilistiche nell’Europa orientale, hanno affermato funzionari e diplomatici.

“Dobbiamo ripristinare la nostra posizione militare per questa nuova realtà”, ha detto martedì ai giornalisti il ​​segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Le autorità locali hanno affermato che i bombardamenti di martedì su Kiev hanno ucciso almeno cinque persone poiché gli edifici sono stati dati alle fiamme e le persone sono state sepolte sotto le macerie. La Russia nega di prendere di mira i civili.

Il conflitto ha portato l’isolamento economico alla Russia e il costo economico è stato completamente esposto mercoledì quando il suo governo devastato dalle sanzioni ha barcollato sull’orlo del suo primo default del debito internazionale dalla rivoluzione bolscevica.

Mosca avrebbe dovuto pagare $ 117 milioni di interessi su due obbligazioni sovrane denominate in dollari che aveva venduto nel 2013, ma deve affrontare limiti nell’effettuare pagamenti e ha parlato di pagare in rubli, il che provocherebbe un default.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]