Conflitto Russia – Ucraina e Presidenziali in Francia. Intervista con Edoardo Sylos Labini, attore e regista, direttore di CulturaIdentità

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Per la mia rubrica IL Personaggio sono lieta di ospitare Edoardo Sylos Labini, attore e regista.

Ha fondato e lanciato nel 2018 il movimento culturale CulturaIdentità, associazione di cui è Presidente e che nel febbraio 2019 ha dato via all’omonimo mensile cartaceo #CulturaIdentità, del quale è direttore.

 

Presidenziali Francia. Vittoria di Macron e risultato notevole per la Le Pen.

“Se avessimo detto, qualche anno fa, che la Le Pen avrebbe preso 13 milioni di voti nessuno ci avrebbe creduto. E’ un ottimo risultato, perché la Le Pen è andata contro tutti. E’ comunque un indicatore di come l’Europa – in realtà tutto l’Occidente – sia diviso in due blocchi: il blocco filoglobalista e il blocco identitario che vuole difendere le sue tradizioni, che reputa la globalizzazione un fallimento e un pericolo per i popoli europei.
Con la guerra stanno cambiando gli scenari geopolitici. L’Occidente è la prima vittima di quello che sta succedendo oggi. La globalizzazione ha nell’Occidente la sua prima vittima, soltanto un’Europa che recupererà le proprie radici culturali, religiose e storiche potrà andare avanti, altrimenti sarà un agglomerato di interessi finanziari e non di interessi dei popoli.

 

L’UE sta mostrando debolezza nel gestire la situazione che si è venuta a creare con il conflitto Russia – Ucraina?

“Sì. Sarebbe dovuta intervenire con le diplomazie fin dall’inizio. Tutti abbiamo condannato, senza se e senza ma, l’invasione della Russia in Ucraina, però invece di fomentare, di buttare benzina sul fuoco, l’UE dovrebbe dare un segnale nell’interesse dell’Europa stessa. Cercare di distendere gli animi, cercare una mediazione, questo dovrebbe fare. Vogliamo creare altri conflitti? Poi daremo la colpa a Putin. Pensiamo cosa potrebbe accadere se dovesse allargarsi il conflitto in altre parti dell’Europa.”

 

Quanto l’Italia pagherà per questa guerra?

“Non ce ne accorgiamo ancora quanto pagherà. In termini economici pagherà tanto e si vedrà da settembre – ottobre in poi. Non bastano i viaggi in Algeria del Premier. Il problema energetico è un problema serio e anche le sanzioni, che sono state fatte alla Russia, colpiscono la nostra economia. Vogliamo parlare dell’ultima uscita dell’UE che bisogna lavarsi poco e andare a dieci all’ora? Siamo nel pieno dell’idiozia.”

 

Biden è responsabile, in un certo qual modo, di ciò che sta succedendo in Europa?

“Io ho detto sin dall’inizio, subito dopo l’elezione di Biden, che sarebbe scoppiata una guerra. Con i Dem è sempre così. Obama ha preso il Nobel per la pace e con la sua presidenza ha bombardato decine di Stati. Con Trump, invece, non sarebbe successo questo, perché con la sua personalità avrebbe sicuramente mediato e non sarebbero arrivati allo scontro con Putin. Ripeto, io, appena dopo la vittoria di Biden, dissi ‘vedrete che scoppieranno altre guerre’… e così è stato”.

Ringrazio Edoardo Sylos Labini per la piacevole conversazione.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.