Confcommercio Costa del Cilento Nord non ci sta arriva la replica al sindaco di Pollica sui tamponi covid-19: “iniziativa intempestiva e inopportuna”

Condividi

Salerno, 29 Luglio 2020 – Nel prendere atto della comunicazione resa nota, ieri, dal Sindaco di Pollica, Stefano Pisani, dove si manifesta l’invito rivolto a titolari e dipendenti di imprese commerciali e turistiche a sottoporsi volontariamente al tampone COVID-19, non tarda ad arrivare la risposta da parte della delegazione Confcommercio Campania Costa del Cilento Nord, a commento dell’iniziativa ritenuta intempestiva ed inopportuna. “La finalità di tutela generale della salute pubblica non è in discussione, ma questo insieme ad altri interventi di prevenzione e monitoraggio degli ingressi e presenze nel Comune andava gestita in tempi e modalità diverse, a partire dalla fine del lockdown od, almeno, dai primi di giugno, attraverso una serie di misure di progressiva analisi della situazione” – spiega Letizia Pepe, coordinatore Confcommercio Cilento Nord. E, aggiunge: “In particolare, è il caso di rammentare, solo a titolo informativo, che la scrivente Associazione di categoria, con una lettera datata al 5 maggio 2020, aveva affrontato l’argomento allegando fattive proposte rivolte ai vari sindaci dei comuni interessati. Entrando nello specifico, nel documento si sollecitava il monitoraggio degli ingressi nei comuni, l’organizzazione di un controllo capillare sulle spiagge libere, la verifica delle misure da adottare nelle strutture ricettive minori. Per essere efficace, a nostro dire, la prevenzione deve anticipare gli eventi in una tipologia di comune che registra un flusso turistico da poter, agevolmente, stimare a priori. Dunque, la linea del rigore di fine stagione appare inutile, oltre ad avere un sapore sanzionatorio verso le attività di impresa.

NARDONE

Queste ultime che, difatti, osservano rigorosamente le disposizioni nazionali e regionali in vigore, in tal modo, secondo la situazione dei singoli esercizi, contribuiscono appieno al contrasto dell’epidemia; d’altro canto, se le amministrazioni, a “lavori in corso”, sollecitano improvvise campagne di screening di massa, non hanno tenuto conto che possono provocare danni seri agli imprenditori, senza ottenere risultati concreti”. Concludendo, la Pepe lascia un contro-invito alle istituzioni locali:

“Si auspica che l’Amministrazione di Pollica riveda scelte particolarmente infelici, oltretutto comunicate in modo superficiale ed equivoco”.

 

loading…


loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]