Con Omicron si andrà verso l’obbligo vaccinale?

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Due anni di pandemia e siamo ancora a parlare di Covid 19. Molto triste, soprattutto per i cittadini vaccinati.
Per Fabrizio Pregliasco, virologo e direttore sanitario dell’Ospedale Galeazzi di Milano, “vedremo un picco che io temo si sposterà come minimo verso la fine del mese di gennaio…
Nella previsione prefestiva immaginavamo e purtroppo abbiamo centrato l’obiettivo dei 100 mila, ma a questo punto potremmo raggiungere anche nel picco complessivo 200mila casi. La fortuna è che la gran quota di vaccinati che se non riescono a evitare il Covid comunque la subiscono – e lo stiamo vedendo come dimostrazione di efficacia – in modo del tutto irrisorio, praticamente asintomatico”.

A proposito di scuola, poi, Pregliasco ha commentato la proposta del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, di chiudere le scuole per 20 – 30 giorni: “Credo che la decisione ormai è di aprire le scuole il 10 gennaio ma bisogna trovare modalità di monitoraggio e anche pensare ad aspetti di flessibilità e, temo, di chiusura.
“È una discussione veramente molto difficile che ha dei risvolti politici non da poco perché il desiderio del mantenimento della scuola in presenza è uno dei punti fermi delle istituzioni, delle famiglie e del governo. È chiaro che bisognerà valutare nel prossimo futuro l’effetto delle vacanze, dei baci e degli abbracci – cosa necessaria, utile, e che quest’anno non si poteva fermare, se non quella che è stata una responsabilità diffusa ma non di tutti purtroppo, – riguardo al rischio di contagio e a una risalita, che ci sarà nel futuro sicuramente”.

Di certo non si può passare il tempo a fare la conta…
“Il virus si sta ‘raffreddorizzando’? Ancora non possiamo dirlo. Quello che possiamo invece dire con certezza su Omicron, oltre al fatto che è contagiosissimo, è che ai vaccinati fa molto meno male. Fossimo tutti vaccinati gli ospedali sarebbero quasi vuoti.”
Roberto Burioni, immunologo

Intanto la corsa ai tamponi resta una “variante” eccessiva tutta italiana…
“I tamponi devono essere prescritti e interpretati dai medici.
No al fai da te anche con i tamponi.”
Matteo Bassetti, infettivologo

Credo si possa tornare a vivere o dobbiamo ancora subire?
“Quando finirà questa triste conta quotidiana dei contagiati? Quando finirà questa continua campagna di terrore di giornali e televisioni?”
Vittorio Sgarbi

Forse con l’obbligo vaccinale?
“Il Pd chiede l’obbligo vaccinale per tutti. Può essere un game-changer, un fattore che cambia sondaggi e maggioranze. In un senso o nell’altro.”
Antonio Polito

Il Consiglio dei Ministri cosa ha deciso?
“La cabina di regia del governo sta discutendo di introdurre l’obbligo di vaccino per gli over 50.
Vi anticipo alcune reazioni:
‘Non sarà mai attuabile”
“E i controlli?”
“E allora i 49enni?”
“Era meglio il green pass”
Lorenzo Pregliasco, giornalista

Battute a parte, approvato l’obbligo vaccinale per gli ultracinquantenni.
E per concludere, il dott. Alberto Zangrillo
“Quando una misura di profilassi, supportata da solide evidenze scientifiche, viene prescritta dalla politica, perdono tutti tranne i conduttori di talk show e i figuranti della sanità televisiva.”

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.