Comitato ordine e sicurezza ad Avellino dopo episodi criminosi avvenuti in provincia

Condividi

Anche il sottosegretario all’Interno Sibilia presente alla riunione, al termine della quale il prefetto ha visitato i comuni colpiti

Due ferimenti e un omicidio a distanza di pochi giorni, avvenuti di recente in pieno giorno e in zone centrali, rispettivamente a San Martino Valle Caudina e a Cervinara, in provincia di Avellino.

Reati che hanno colpito le comunità locali e ai quali, anche per questo, è stata dedicata ieri la seduta del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, coordinata dal prefetto Paola Spena e con la partecipazione del sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia, dei procuratori della repubblica presso i tribunali di Napoli e di Avellino, Giovanni Melillo e Domenico Airoma, del procuratore aggiunto della direzione distrettuale antimafia (Dda) di Napoli Rosa Volpe, oltre che del questore, dei comandanti provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza, dei sindaci di Avellino e dei due comuni coinvolti e del presidente della provincia.

I presunti responsabili dei crimini sono stati individuati e arrestati in tempi brevi grazie all’efficace cooperazione tra Forze di polizia e autorità giudiziaria, che stanno proseguendo le indagini anche per ricostruire il contesto a monte dei reati, con la collaborazione attiva dei cittadini e con il contributo dei sistemi di videosovideosorveglianza presenti sia a San Martino Valle Caudina che a Cervinara, potenziati di recente con fondi assegnati dal ministero dell’Interno.

Al quadro delineato durante la riunione si aggiungono i servizi straordinari di controllo del territorio condotti da operatori del reparto Prevenzione crimine della Polizia di Stato e da un contingente della Compagnia d’intervento operativo dell’Arma dei Carabinieri, uno sforzo in termini di presenza e presidio del territorio da parte delle Forze dell’ordine apprezzato sia dalla popolazione che dagli amministratori locali.

In quest’ottica, per dare un segno tangibile della presenza dello Stato al fianco dei territori scossi dai 3 recenti reati, al termine della riunione il prefetto Spena ha visitato i municipi dei due comuni coinvolti, incontrando le associazioni locali impegnate sul fronte del sociale e della legalità. Alle comunità nel loro complesso il prefetto ha rivolto l’invito, accolto con disponibilità e favore, a contribuire in modo attivo alla costruzione di questo percorso di legalità soprattutto a favore dei giovani con progetti che mettano in rete scuola, volontariato, associazioni locali e mondo dello sport.

Fonte Ministero dell’Interno

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]