Comitato “La fine della vergogna”- Pulite subito il fiume Sarno!

Condividi

Nocera Inferiore 24 maggio- Il 31 Maggio 2019 alle ore 19:00 presso la Sala Conferenze del Convento di S. Antonio in piazza S. Antonio a Nocera Inferiore SA, alla presenza di autorità ed esperti del settore, si terrà un importante convegno voluto dal Comitato “La fine della vergogna”, Presidente Dottor Agostino Galdi, che ha un obiettivo di urgente necessità, ovvero la bonifica del fiume Sarno che da recenti studi idrogeologici, risulta tra i più inquinati e pericolosi corsi d’acqua d’Europa.

Il Sarno, che nasce alle pendici del monte Saro al confine tra la catena montuosa dell’Avellinese e il Salernitano, attraversa una serie di paesi ad alta densità demografica tra cui Sarno, S. Valentino Torio e Nocera Inferiore ma da diversi anni improvvisamente si sporca, si presume a causa di industrie del territorio che sversano in esso rifiuti tossici. Pare che il problema derivi proprio dal torrente Solofrana che confluisce nel Sarno, nel quale sono stati rinvenuti tanti veleni quali cadmio, arsenico, piombo, non è un caso che diversi tumori diffusisi con rapidità tra le popolazioni attraversate dal fiume nascono proprio da questo forte inquinamento.

Fiume SarnoIl Comitato ha più volte tenuto manifestazioni in loco per sensibilizzare le Istituzioni locali e nazionali nonché per creare allarme tra i cittadini affinché facciano sentire sempre più la loro voce per risolvere il problema. Lo stesso Ministro dell’ambiente Sergio Costa è intervenuto in queste zone lanciando un appello affinché tutte le autorità governative preposte si diano da fare. Ma è la voce del popolo che in questi casi può fare di più, facendosi sentire in modo sempre più compatto. E così sarà, come su riportato, ancora una volta il 31 Maggio prossimo a Nocera Inferiore in un Convegno intitolato alla memoria della signora Clelia Cesale, morta il 1 Marzo di quest’anno di un brutto male, attribuibile si ritiene alla esposizione della sua abitazione proprio sulle rive del fiume. Viviamo in un’epoca attraversata da numerosi problemi di carattere sociale, quello dell’ambiente non va assolutamente sottovalutato perché l’aria che respiriamo, la terra su cui camminiamo, l’acqua che beviamo e che coltiva le nostre piantagioni risultano essere i beni primordiali da salvaguardare. E’ importante che chiunque con coscienza rispetti la Natura perché ne va della nostra vita e di quella delle future generazioni. Ripuliamo quindi il fiume Sarno!!! (C. S. Armando Fusco)

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]