Comfort food, come reagire alla quarantena senza mettere chili di troppo

Condividi

Napoli, 17 mar. – Sono giorni che l’unico movimento concesso è quello che va dal letto al divano, o dalla scrivania alla tavola, salvo rare eccezioni quotidiane.
La quarantena nasconde un nemico insidioso: l’istinto a mangiare spasmodicamente per contrastare noia e routine.
Come comportarsi dunque a tavola, senza mettere su chili di troppo?
Gli esperti parlano di “trappola da comfort food”, il cibo che solleva l’umore, ben lontano dalla fame biologica.
La differenza a sostegno della salute in questi giorni la fa la lista della spesa, che deve essere mirata e soprattutto equilibrata.
Si, dunque all’acquisto di cereali, yogurt, frutta fresca e secca, verdure, carne da consumare una o due volte a settimana, pesce e legumi per due o tre volte a settimana, uova, formaggi freschi ed affettati per una volta a settimana.
La gratificazione pomeridiana può arrivare da tisane, noci, banane o un po’ di cioccolato fondente, considerati cibi della felicità.
Vero è che per diversificare la noia, tutti ci ritroviamo ai fornelli. Il gesto è salvifico da un punto di vista psicologico, ma non sempre salutare.
Via libera a ricette nuove e fantasiose, ma con senno!
Sformati di verdure, hamburger di legumi, vellutate, focacce, polpette di carne o vegetali, riso al forno, possono essere valide alternative a pizze, timballi e pasta al forno.
La correlazione cibo e quarantena riguarda soprattutto la generazione tra i 30 e 40 anni, abituata a stare più fuori che in casa.
Per questa fascia di età il cibo è risorsa in un momento di relax forzato.
Ecco che partono gli aperitivi in streaming che possono essere virtualmente condivisi con olive, prosciutto e cheaps di verdure o tartine al salmone.
Il tutto accompagnato da una mezz’ora di sport a corpo libero, considerando che ci viene impedito di uscire o passeggiare all’aperto.
Quarantena a tavola è dunque condivisione di ricette in famiglia, come la preparazione di una dose di biscotti light o plum-cake allo yogurt, ottimi da infornare per la colazione o la merenda dei bambini.
Non dimentichiamo che una corretta alimentazione può rafforzare la risposta del sistema immunitario con alimenti che aiutano la stimolazione di quest’ultimo.
Se saremo attenti a tavola, allontaneremo probabilmente ancor di più, il rischio Covid19.

NARDONE

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Pina Stendardo

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.