Clamoroso a Forio: buio pesto all’ingresso di Via Piellero dove un palo della luce tranciatosi qualche anno fa, e’ stato legato con una fune e penzola nel vuoto

Condividi

di Gennaro Savio

E’ saputo e risaputo che su gran parte del territorio di Forio, generalmente tranne nelle zone centrali, l’impianto della pubblica illuminazione è vecchio ed obsoleto e ovunque presenta criticità diverse. Con dei pali arrugginiti alla base, lampadine mancanti o malfunzionanti e con zone in cui in alcune sere è completamente buio, così come a volte abbiamo denunciato attraverso i nostri servizi giornalisti per quanto concerne la strada provinciale che attraversa l’ingresso della Frazione di Panza.

Buio pesto di sera allingresso di via Piellero solo le auto fanno un po di luceMa quello che ci hanno segnalato in questi giorni alcuni residenti di via Piellero, ha dell’incredibile. Infatti qui un palo della luce tranciatosi qualche anno fa, anziché essere immediatamente tolto, è stato legato con una fune e penzola nel vuoto all’interno del terreno di una proprietà privata i cui proprietari nel tempo hanno sollecito un intervento risolutore ma inutilmente visto che al momento il palo non è stato ancora rimosso né tanto meno sostituito: da non credere! Ma cosa si aspetta ancora a mettere fine a questo scandalo? Gli amministratori comunali di Forio quando si decideranno a togliere questo palo della pubblica illuminazione spezzato e penzolante e a sostituirlo con uno nuovo affinché la sera ritorni anche la luce su questo tratto di strada tra l’altro stretto ed al centro di una doppia curva? Il PCIM-L fondato dal compianto ed ex consigliere comunale di Forio, Domenico Savio, chiede un intervento celere e risolutore affinché ritorni la luce nel tratto iniziale di via Piellero e venga rimosso e sostituito il palo della pubblica illuminazione tranciato e penzolante.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]