Cittadinanza italiana a Patrick Zaki, Draghi: “il governo non è coinvolto al momento”

Condividi

“È un’iniziativa parlamentare, il governo non è coinvolto al momento”. Lo dice il premier Mario Draghi rispondendo a una domanda sulla proposta di cittadinanza italiana a Patrick Zaki.

NARDONE

“Sul tema della cittadinanza italiana a Patrick Zaki il Parlamento ha dato un gesto importante con l’unanimità, chiediamo al governo di dare seguito a quella decisione del Parlamento, sulla cittadinanza italiana a Patrick Zaki”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, all’assemblea del partito, in videoconferenza. “Mando un saluto affettuoso ai genitori di Giulio Regeni“, ha aggiunto.

Secca la replica di Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari costituzionali della Camera e deputato del Movimento 5 Stelle: “Il Senato ha votato un ordine del giorno che impegna il governo ad avviare tempestivamente le necessarie verifiche al fine di conferire a Patrick Zaki la cittadinanza italiana e ad assumere altre iniziative sulla vicenda e sul rispetto dei diritti umani in Egitto. Spero ci sarà più attenzione per le iniziative del Parlamento, apparentemente oggi derubricate alla voce ‘varie ed eventuali’”.
Preoccupazione da Amnesty International: “Già durante la discussione all’interno del Senato, in qualche modo erano state messe un po’ le mani avanti, qui si mettono le mani avanti dieci volte. Se il governo si tira indietro dopo due giorni è un brutto segnale francamente”, dice all’ANSA Riccardo Noury, portavoce della ong in Italia.

Mentre il senatore Tommaso Nannicini sottolinea che “in verità su Zaki il Senato ha impegnato proprio il governo a ‘intraprendere con urgenza’ l’iter perché gli sia riconosciuta la cittadinanza italiana, dato che la legge stabilisce che lo si può fare con un decreto del Presidente della Repubblica “previa deliberazione del Consiglio dei Ministri”. “Se il governo non pensa di dar seguito all’indirizzo del Senato abbiamo un problema. A Roma, non a Houston”, aggiunge Nannicini.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]