Città Metropolitana, stop alle infiltrazioni al “Levi” di Portici: dal Sindaco de Magistris ok al progetto esecutivo dei lavori per 500mila euro

Condividi

Stop alle infiltrazioni e agli altri danni causati dagli agenti atmosferici all’I.I.S. “Levi” di Portici: il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, Luigi de Magistris, ha approvato, infatti, il progetto esecutivo dei lavori di riqualificazione funzionale dello storico Istituto per un importo complessivo di 500mila euro. Sarà rifatta l’impermeabilizzazione dei solai, saranno sostituiti i lucernari, installati dei controsoffitti e adeguato l’impianto di riscaldamento.

 

NARDONE

Stop alle infiltrazioni e agli altri danni causati dagli agenti atmosferici all’I.I.S. “Levi” di Portici: il Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, Luigi de Magistris, ha approvato, infatti, questa mattina, con propria deliberazione, il progetto esecutivo dei lavori di riqualificazione funzionale dell’Istituto per un importo complessivo di 500mila euro.

L’edificio scolastico sede dell”I.I.S. “Carlo Levi”, sito in via Gianturco, vanta una lunga storia, iniziata nel 1884, quando fu fondata la Scuola serale di disegno applicata alle arti da parte della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Pietrarsa che volle creare una scuola per i figli dei propri operai che altrimenti non avrebbero avuto altra opportunità di istruzione. Dopo essere diventata scuola di avviamento professionale, ha assunto la veste di Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato nel 1961 consentendo il conseguimento prima della sola qualifica e successivamente anche del diploma.

Si tratta, quindi, di una struttura piuttosto risalente, sviluppata su un solo piano per una superficie di circa 1.700 mq, che presenta oggi delle criticità legate soprattutto alla tenuta degli esterni ai fenomeni atmosferici con conseguenti infiltrazioni e ammaloramenti dei solai. Ragione per cui la Città Metropolitana ha deciso di intervenire con il progetto approvato oggi che si pone gli obiettivi di riqualificare le opere di protezione dagli agenti atmosferici in coordinazione con la revisione e l’adeguamento del sistema di smaltimento acque piovane, di mettere in sicurezza i locali scolastici scongiurando ogni pericolo di cedimento dei solai, oltre che di adeguare l’impianto di riscaldamento e riqualificare la centrale termica.

Si procederà, quindi, alla impermeabilizzazione dei solai attraverso la posa di una nuova doppia guaina e la sostituzione delle pluviali. Saranno sostituiti i lucernari, che hanno sia funzione illuminante che di ventilazione e ricambio d’aria. Le nuove strutture saranno apribili con meccanismi elettrici, e la loro forma dovrà richiamare la stessa geometria di quelli attuali. Saranno, altresì, installati dei controsoffitti antisfondellamento, idonei a garantire il contenimento dei solai.

Il progetto, con la realizzazione dei suddetti interventi, consentirà lo sviluppo delle attività scolastiche in totale sicurezza e comfort ambientale, eliminando gli inconvenienti che influiscono sullo svolgimento delle attività didattiche.

“La Città Metropolitana di Napoli – ha affermato il Sindaco de Magistris – continua nella sua incessante opera per rendere il suo patrimonio scolastico non solo tra i più grandi del Paese, ma anche tra i meglio attrezzati. Stiamo compiendo un lavoro immane, ma le soddisfazioni che i nostri ragazzi ci regalano ci ripagano di tutti gli sforzi compiuti”.

Soddisfazione è stata espressa anche dal Consigliere Delegato alla Scuola della Città Metropolitana, Domenico Marrazzo. “Si tratta di un intervento importante di recupero di un Istituto storico della città di Portici. Insieme con il personale dell’Ente metropolitano, cui va il mio ringraziamento, non ci siamo mai fermati, nemmeno per un giorno, neanche in questo periodo di emergenza Covid, per dare risposte alle esigenze delle nostre platee scolastiche e per garantire le migliori strutture possibili ai nostri ragazzi. E i risultati sono lusinghieri”.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]