Città Metropolitana, domani la firma del Protocollo d’Intesa per la Rassegna “Vesevus de gustibus” con il Sindaco de Magistris

Condividi

Domani, alle ore 12, nella Sala “Mariella Cirillo” della sede di piazza Matteotti, il Sindaco Metropolitano, il Presidente della Camera di Commercio, il Presidente dell’Ente Parco del Vesuvio, il Direttore della Fondazione CIVES, i Sindaci dei 13 Comuni del Parco del Vesuvio e i Dirigenti Scolastici degli Istituti Alberghieri ricadenti nel territorio sottoscriveranno l’intesa che prevede la realizzazione di una serie coordinata di iniziative ed eventi volti alla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche, paesaggistiche e culturali dell’area del Parco.

Domani, martedì 4 giugno, alle ore 12, nella Sala “Mariella Cirillo” della sede della Città Metropolitana di piazza Matteotti a Napoli, sarà sottoscritto il Protocollo d’intesa per la realizzazione della seconda edizione della Rassegna “Vesevus de gustibus – Le arti, i sapori, le tradizioni”.

A firmare l’intesa il Sindaco della Città Metropolitana, Luigi de Magistris, il Presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola, il Presidente dell’Ente parco del Vesuvio, Agostino Casillo, il Direttore della Fondazione CIVES, Ciro Cacciola, i Sindaci dei 13 Comuni ricadenti nel Parco Nazionale del Vesuvio (San Sebastiano al Vesuvio, Massa di Somma, Pollena Trocchia, Sant’Anastasia, Somma Vesuviana, Ottaviano, Terzigno, Boscoreale, Boscotrecase, Trecase, Ercolano, Torre del Greco e San Giuseppe Vesuviano) e i Dirigenti Scolastici degli Istituti Alberghieri e Turistici del territorio ( Ottaviano, Striano, Pollena Trocchia, Torre del Greco ed Ercolano).

Il progetto, promosso dal Consigliere Metropolitano Delegato al Parco del Vesuvio, Michele Maddaloni, prevede una serie coordinata di iniziative ed eventi volti alla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche, paesaggistiche e culturali dell’area del Parco.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]