Citta Metropolitana di Napoli: Istituto “G. Siani”, da domani finiscono i doppi turni. Martedì partono i lavori di messa in sicurezza dei solai dell’Istituto.

Condividi

Il Consigliere Delegato all’Edilizia Scolastica della Città Metropolitana, Domenico Marrazzo: “Gli alunni del Siani frequenteranno le lezioni fino alla fine dell’anno scolastico presso la succursale del Segrè di Mugnano, e da settembre torneranno nel loro Istituto”. 

NARDONE

Napoli, 27 apr. – “Voglio tranquillizzare studenti, professori e genitori che la situazione all’Istituto Siani di Napoli è sotto controllo”. È quanto affermato stamattina dal Consigliere Delegato all’Edilizia Scolastica, Domenico Marrazzo, nel corso dell’incontro che si è tenuto presso la Città Metropolitana di Napoli con studenti, docenti e rappresentanti dei genitori dell’Istituto in cui si era verificata la caduta di calcinacci da un solaio.

“Da martedì inizieranno i lavori di messa in sicurezza di tutti i solai dell’Istituto – ha comunicato il Consigliere Delegato – in primo luogo sarà garantita la sicurezza e l’intervento, piuttosto importante, sarà concluso per l’inizio del prossimo anno scolastico”.

“Inoltre – ha annunciato Marrazzo ai partecipanti all’incontro – da domani finiranno i doppi turni: i ragazzi, infatti, potranno frequentare le lezioni presso la succursale del Segrè di Mugnano, almeno fino alla fine dell’anno scolastico e alla conclusione dei lavori”.

“Nonostante le difficoltà economiche che continuano a gravare sulle città metropolitane – ha concluso Marrazzo  – l’Amministrazione guidata da Luigi de Magistris sta compiendo sforzi enormi per assicurare a tutti gli studenti del nostro territorio scuole moderne e sicure, conciliando questa esigenza primaria con l’adeguamento e la valorizzazione del patrimonio scolastico. Una scelta che conferma la volontà, più volte dichiarata dal Sindaco, di considerare l’istruzione un investimento e non una spesa”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]