Città Metropolitana di Napoli, il Consiglio adotta la manovra di Bilancio 2022 per 845 milioni di euro: fondi per scuole, strade, trasporti e transizione ecologica

Condividi

Nel corso della seduta tenutasi questo pomeriggio nell’aula di Santa Maria la Nova e appena conclusasi, il Consiglio Metropolitano ha adottato il Bilancio di previsione 2022 e altri importanti atti di programmazione e pianificazione, tra cui il DUP 2022-2024, i Piani delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari, il Programma Triennale delle Opere Pubbliche. Alle scuole 234 milioni di euro, 278,6 per trasporti e strade, 72 per l’ambiente, mentre 98 milioni saranno versati dalla Città Metropolitana allo Stato in attuazione di norme in materia di contenimento di spesa. Tra le previsioni, inoltre, 5 milioni e 300mila euro per il Teatro di San Carlo. A partire dal 2023 previsto anche un Fondo Complementare Integrativo per il sostegno ai Comuni nella realizzazione di interventi rientranti nelle scelte strategiche della Città Metropolitana

Una manovra da 845 milioni di euro. Fondi per strade, scuole, trasporti, occupazione e transizione ecologica. Con il voto favorevole della maggioranza il Consiglio Metropolitano di Napoli ha adottato, nel corso della seduta tenutasi questo pomeriggio nell’aula di Santa Maria la Nova e appena conclusasi, il Bilancio di Previsione 2022 corredato dei suoi allegati, tra cui i Piani delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari, il Programma Triennale delle Opere Pubbliche, il Programma biennale degli acquisti dei beni e dei servizi 2022-2023 e la nota di aggiornamento del Documento Unico di Programmazione (DUP) per il triennio 2022-2024.

L’importante documento di pianificazione per l’esercizio finanziario 2022 prevede, per le scuole, stanziamenti per 234 milioni di euro, di cui 50,5 per spese correnti e 183,5 per spese di investimento.

Per i trasporti e per il diritto alla mobilità stanziati 278,6 milioni di euro: tra gli interventi, 91,6 mln costituiscono contributi per l’acquisto di mezzi per il trasporto pubblico locale nell’ambito del Piano Strategico Nazionale della Mobilità Sostenibile, 16 andranno al monitoraggio dello stato di conservazione dei ponti e viadotti e 162 al miglioramento della viabilità e la realizzazione di infrastrutture stradali.

È, invece, di 72 milioni e mezzo la previsione del bilancio 2022 per lo sviluppo sostenibile e la tutela del territorio e dell’ambiente: 33 per la difesa del suolo, 19 per la tutela, la valorizzazione e il recupero ambientale, 18 per i rifiuti e 2 per aree protette, parchi naturali, protezione naturalistica e forestazione.

Dodici milioni e 700 mila euro andranno alla tutela e alla valorizzazione dei beni e delle attività culturali. Due milioni e mezzo sono stati previsti per lo sviluppo del turismo, due per urbanistica e assetto del territorio, 18 per misure di sostegno all’occupazione, mentre 98 milioni saranno versati dalla Città Metropolitana allo Stato in attuazione di norme in materia di contenimento di spesa.

In particolare, il documento contabile prevede uno stanziamento in favore della Fondazione Teatro di San Carlo di 2 milioni e 300mila euro in conto gestione anno 2022, cui se ne aggiunge un altro di 3 milioni come contributo straordinario sempre per l’anno in corso, per un totale di 5,3 milioni per il Massimo napoletano; un milione è stato stanziato per il Teatro Stabile della Città di Napoli – Teatro Mercadante, mentre 300mila euro andranno al Teatro Trianon – Viviani; un milione di euro va al sostegno ad associazioni culturali e sportive.

“Si tratta – ha affermato il Sindaco Metropolitano, Gaetano Manfredi – del primo bilancio della nuova amministrazione. Che comincia con una manovra importante, per quasi 850 milioni di euro, con fondi ingenti per quelli che riteniamo gli asset strategici dell’Ente metropolitano, quali scuole, strade, ambiente, transizione ecologica e digitale, ma anche per la cultura, con risorse per i beni patrimoniali dell’Ente che sono di assoluto rilievo, ma anche per le massime istituzioni culturali, quali il Teatro di San Carlo e gli altri teatri finanziati, che esercitano un richiamo enorme in termini turistici ed economici in generale. Per questo voglio ringraziare le forze politiche presenti in Consiglio che, tutte, hanno contribuito, in base al proprio ruolo e alle proprie prerogative, al raggiungimento di quello che possiamo definire un primo ottimo risultato”.

Nella programmazione finanziaria 2022-2024 del bilancio della Città Metropolitana si prevede, inoltre, a partire dall’annualità 2023, l’istituzione di un Fondo Complementare Integrativo di circa 55 milioni di euro (25 per il 2023 e 30 per il 2024) da destinare a trasferimenti a favore dei Comuni della Città Metropolitana per la realizzazione di interventi in conto capitale rientranti nelle scelte strategiche dell’Ente. In questo modo, la Città Metropolitana intende sostenere con proprie risorse finanziarie i Comuni, prevedendo l’impiego diretto dei fondi prioritariamente per la realizzazione di interventi in tre ambiti strategici conformi agli obiettivi europei: azioni per una rete stradale sicura e una mobilità sostenibile, per la rigenerazione urbana e l’inclusione sociale, oltre che per la valorizzazione del patrimonio dell’area metropolitana attraverso la misura Digitalizzazione Innovazione Cultura Turismo.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]