“Città e politiche pubbliche”, incontro da Foqus

Condividi

Il 26 ottobre per i “Colloquia” sulla rigenerazione urbana

 

NARDONE

Domani, martedì 26 ottobre alle ore 15.30, si parlerà della “Città e politiche pubbliche nella Corte dell’Arte di Foqus (via Portacarrese a Montecalvario 69), con Giovanni Laino, Ordinario di Tecnica e Pianificazione Urbanistica dell’Università di Napoli Federico II, che dialogherà con Alessandro Balducci, professore in Pianificazione e Politiche Pubbliche al Politecnico di Milano.

L’evento si inserisce nalla programmazione dei “Colloquia, sulla nuova città“, il primo ciclo di incontri pubblici a ingresso gratuito sul tema della rigenerazione urbana, organizzati nella Corte dell’Arte (via Portacarrese a Montecalvario 69) da Foqus Fondazione Quartieri Spagnoli con la Regione Campania e in collaborazione con l’Università di Napoli Federico II – Dipartimento di Architettura e Dipartimento di Scienze Sociali, IUAV di Venezia, Ambasciata di Spagna in Italia e Istituto Cervantes di Napoli.

Prossimi incontri a novembre quando ci si interrogherà su “La città che cura” e “La città delle sfide“, rispettivamente l’11 e 25 del mese sempre alle 15,30 con Ezio Manzini, professore onorario al Politecnico di Milano e presidente DESIS Network che intervisterà LLuis Torrens, Director d’Innovació Social, Àrea de Drets Socials, della Città di Barcellona, e con Stefano Consiglio, Ordinario di Organizzazione Aziendale della Federico II, a colloquio con Barbara Catalani (Toscana, Follonica – Ex Ilva), Roberto Covolo (Puglia, Sant’Agata dei Normanni – Ex Fadda/XFarm) e Andrea Bartoli (Sicilia, Favara – Favara Cultural Farm)

Ultimo incontro giovedì 9 dicembre dal titolo “La città che rimedia e ri-media” con Francesco De Biase, Dirigente dell’Area Attività Culturali del Comune di Torino, che incontrerà Ezio Manzini, Simone Arcagni, Francesco Maltese, Alessandro Bollo, Aldo Garbarini e Giulia Allegrini.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]