Cibus Tec, Gambarini (Cambiamo!): “Il Governo chieda scusa alle imprese”

Condividi

PARMA, 23 ott. – “La ministra Bellanova tesse le lodi di Cibus Tec. E fa bene perchè la fiera è un punto di riferimento per la meccanica e per l’agroalimentare a livello europeo e non solo. Chiediamo però alla ministra Bellanova a cosa serve complimentarsi con le aziende se poi il Governo di cui fa parte tartassa le aziende con aumenti di tasse e di adempimenti burocratici. Infatti, la manovra finanziaria del governo giallorosso sarà un bagno di sangue per tutti e in particolare per professionisti e imprese”. Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, componente del comitato nazionale di Cambiamo! “Quel che è peggio – prosegue Gambarini – è che sembra che, nonostante questa manovra piena di tasse e balzelli, il debito non cali. La ministra Bellanova perciò non avrebbe dovuto fare nient’altro che chiedere scusa alle imprese a nome dei suoi capi Conte, Di Maio, Renzi e Zingaretti per gli aumenti di tasse che si apprestano a far aumentare dal Parlamento. Questo Governo, frutto di giochi di palazzo e lontano dalle esigenze dei cittadini, deve andare a casa il prima possibile. Gli italiani devo avere un Governo che rispecchi la volontà popolare. Noi siamo pronti con un centrodestra nuovo e moderno: concreto, compatto, unito e pronto a lavorare per dare risposte alle imprese e ai cittadini”.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]