Che Comico: ecco la nuova stagione di risate tra il Ridotto e il Delle Arti

Condividi

In cartellone dieci appuntamenti e quattro nuove produzioni
SI PARTE SABATO 5 NOVEMBRE CON EMILIANO LUCCISANO IN “TUTTA LA VITA DI DIETRO”
Poi Cristi, Enzo & Sal, Capurro e Caso, Gisonna & Sanchez, De Clemente, Caiazzo, Le Ombre
«La pandemia ha tentato di spegnere le luci sulla risata e su questo palcoscenico dove nel tempo
si sono alternati esordienti diventati i grandi nomi del cabaret. È ora di rialzare il sipario»
spiega il direttore Gianluca Tortora della nuova stagione in programma fino a marzo
130 euro il costo dell’abbonamento, 70 euro per le quattro date al Delle Arti

Salerno, 28 ottobre 2022 Due anni da cancellare quelli appena trascorsi per il tempio della comicità, costretto, causa pandemia, a rimandare, annullare e poi recuperare l’appuntamento con la risata. Oggi è il tempo, anche per il Teatro Ridotto, di tornare alla normalità.
Tutto pronto Che Comico, la nuova stagione ideata dalla Gv Eventi. «La pandemia ha tentato di spegnere le luci sulla nostra risata e su questo palcoscenico dove nel tempo si sono alternati esordienti diventati i grandi nomi del cabaret. È ora di rialzare il sipario», spiega il direttore artistico Gianluca Tortora.
In cartellone, da novembre a marzo, dieci date: sei andranno in scena al Teatro Ridotto, quattro, tutte nuove produzioni, al Teatro delle Arti.
L’apertura di stagione spetta proprio ad uno spettacolo nuovo, quello scritto, diretto e interpretato da Emiliano Luccisano. Irriverente, acuto, divertente ma anche tragicomico, il comico “social” porta sulle tavole del palcoscenico salernitano, sabato 5 novembre, uno spaccato impietoso di tutta la società racchiuso nello spettacolo dal titolo “Tutta la vita di dietro”. Un lungo monologo. In agguato, alle sue spalle, i tre personaggi nati dalla sua fantasia e partoriti proprio durante il lockdown.
LE DATE AL RIDOTTO Che Comico prosegue il 12 e 13 novembre con Marco Cristi. Comico napoletano DOC, “missionario” della comicità, è pronto a tornare dal suo pubblico salernitano con “Annus Cristi”. Al centro le nuove generazioni, il matrimonio e la vita di coppia. Il 26 e 27 novembre tocca a Enzo & Sal. Il duo inossidabile da oltre vent’anni, che il pubblico ha imparato a conoscere anche in tv, da Colorado a Made in Sud, sarà sul palco del Ridotto con “Sketch life”. Unico doppio appuntamento di dicembre, il 3 e 4, quello con il varietà comico-musicale “Una notte a Napoli”, interpretato dal cantante Luciano Capurro, beniamino del pubblico salernitano, che sarà accompagnato da Anna Caso, Lello Capano, Carla Buonerba e Le Lazzarelle Ballet. Il nuovo anno prende il via, il 13 e 14 gennaio, con un’altra coppia celebre della risata: Diego Sanchez e Salvatore Gisonna in “Duo is meglio che one”. Prendendo in prestito la battuta di una vecchia pubblicità, i due artisti, amici da oltre 30 anni, condivideranno il palco per rafforzare il divertimento e raddoppiare il senso della risata. La stagione prosegue il 25 e 26 febbraio con Stefano De Clemente, vincitore del Premio Massimo Troisi 2021 e protagonista della sua prima teatrale “Siamo un grande popolo”, spettacolo scritto da Francesco Burzo. Ultimo appuntamento, il 25 marzo affidato alla Compagnia Le Ombre e lo spettacolo “Tre sogni in affitto”: una storia come tante, una storia di oggi. Un futuro incerto e un sogno irrealizzabile in una cornice dai toni farseschi e favolistici.
LE PRODUZIONI AL DELLE ARTI Dopo Luccisano, il 28 gennaio, i Ditelo Voi firmano la seconda produzione con “L’occasione fa l’uomo morto”. Un rapinatore, un impiegato ed un cliente di banca …ed una moglie che con una sconvolgente rivelazione che li riguarda cambierà per sempre le loro prospettive sulla vita. Impossibile spoilerare oltre. L’11 febbraio “Genitorial”, protagonisti Salvatore Gisonna, Yuliya Majarcuk, Angelo Belgiovine, Peppe Laurato (produzione GV Eventi). La divertentissima commedia, scritta da Gisonna e Marco Critelli, mira a invertire i ruoli: e se fossero i figli a dover educare i genitori? Infine “Ehi Prof”, il 4 marzo, con Paolo Caiazzo. La commedia, oltre ad essere una divertente e dissacrante cronistoria del primo periodo pandemico, è un incontro-scontro tra generazioni. Genitori e figli, insegnanti ed alunni a confronto, alla ricerca di quei punti in comune che caratterizzano, da sempre, i passaggi di consegna sul tragitto del tempo.
INFO UTILI Tutti gli spettacoli andranno in scena sabato alle 21.15 e domenica alle 19. La campagna abbonamenti: 10 spettacoli al costo di 110 euro, le 4 nuove produzioni a 70 euro. Per informazioni e prenotazioni: 089 233998 oppure 3274934684 – www.teatroridotto.com.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]