Chapeau per il Festival “Le Voci di Napoli “ Vince Rubina Della Pietra

Condividi

Applausi a scena aperta del folto pubblico. Testimonial Pino Mauro

Si  è svolta   nell’incantevole Teatro Umberto di Nola, la VII  Edizone del Festival “ Le Voci di Napoli”  gara canora organizzata dall”Associazione Vesuvius  A.P.S in collaborazione con  il Comune di Nola e con il patrocinio morale di Telethon. A vincere il festival e il meraviglioso disco d’oro  la talentuosa cantante  Rubina Della Pietra  con la canzone “Versace On The Floor”  giudicata da una giuria di qualità e per la prima volta con il voto del pubblico  , composta dal musicista  Lino Blandizzi, dai cantanti :Gregorio Rega e Antoane,  dal direttore di radio Stacione One, Pietro Di Palma, la giornalista Teresa Iannelli Antonio e il suo dal voto del pubblico per la prima volta , si è collegato su un link dal telefono. Tantissime le persone presenti in sala  . In gara c’erano: Ciro Marra, Luca Blindo, Miky Petillo ,  Giuseppe D’angelo, Gennaro Morra , Francesco Montuori, Andrea Facciuti, Emanuele Matrulli , Sara Mottola ,MisterRaffy  e Rubina Della  Pietra . La kermesse di Musica, Spettacolo e solidarietà  è iniziata con un momento moda  spettacolare dell’Accademia Maria Mauro . Ad  aprire la serata  la vincitrice della scorsa edizione  Marianna Nappo con la canzone “Mille culure”  sul palco è salito l’amico del Festival Gregorio Rega ,vincitore di “All Togheter Now”  che  ha omaggiato il pubblico con un brano di Pino Daniele . Una serata indimenticabile , frizzante piacevole  e spienserata quella vissuta dalla città di Giordano Bruno   , dopo anni di sofferenza dovuti alla pandemia  , con un unico obbiettivo: valorizzare e dare merito ai  giovani talenti campani,  favorendone la promozione anche della festa dei gigli di Nola e dei prodotti  di eccellenza della Campania , come :le papaccelle di Brusciano , le scarole e il liquore Babarè . Tanti gli ospiti della manifestazione, lo stilista Gabriele Bonomo  che ha proposto un momento  di moda con capi esclusivi , la campionessa di ballo Rosa Granato che  si è esibita sulle note della canzone” Vasame”e ancora  la cantante e attrice Lucia Cassini  che ha cantato e coinvolto il pubblico con la canzone  “Balla , balla cunce’ . Chapeau per il noto cantante e Testimonial della serata  Pino Mauro che ha omaggiato il pubblico con la canzone “Nun T’aggia perdere”  complimentandosi con i giovani talenti . Gli artisti in gara  hanno  riproposto i brani famosi della tradizione napoletana, italiana e straniera  e pezzi editi e  inediti abbracciando  la maggior parte degli stili musicali esistenti. Alcuni  riconoscimenti ai partecipanti sono stati  realizzati dall’artista Luigi Calì, mentre il  comune di Nola ha donato un libro sulla storia dei gigli e ancora  l’azienda agricola Luigi Turboli  e   Angelo De Falco Gioielli , i fiori e gli addobbi  di Luciano Rainone, iannelliHanno presentato  l’evento: Edda Cioffi, Angelo Iannelli, Emanuela Gambardella con le miss : Mara Mollo e Lucia Schettino.  Fotografri ufficiali  : Bruno Fontanarosa , Raffaele Evangelista e Arturo Ciotola . Presenti le telecamere di Videonola, TV Club Economy, ArtesTv, Web Tv 1  e il Rione-  Tra gli ospiti presenti, per il Comune di Nola  Alfonso Crisci, il Sindaco  Francesco Barbato, il giornalista Nello Fontanella, il cantante Mario Conte   ,le stiliste : Imma Natasha Diaz, Maria Rosaria Venditti e Tiziana Grimaldi .Tra i partner oltre a  Nusco Porte, Pagliara  Abbigliameto 1848, Associazione Giaguara, Futura Service, Miky Makeup -Artist Accademia, Sistema Casa Immobiliare ,Palestra Fit For You. La serata ha ospitato ragazzi speciali che si sono emozionati con i loro genitori . Soddisfatto il padron del Festival l’instancabile produttore di emozioni  Angelo Iannelli  che ha ringraziato l’Associazione Vesuvius , il coordinatore Felice Marotta , la città di Nola  e tutti i partecipanti non escludendo la prossima edizione a Nola .
Foto Bruno Fontanarosa

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]