Celebrazioni della Settimana Santa 2020 presiedute dal Cardinale Sepe

Condividi

La Domenica delle Palme a distanza.

Le celebrazione potrà essere seguita in diretta su l’emittente Canale 21.

In casa, con i fedeli a stringere in mano un ramo di ulivo o di un altra pianta che saranno benedetti, a distanza, l’Arcivescovo di Napoli Cardinale Crescenzio Sepe . Nei giorni dell’emergenza coronavirus, si aprirà così – con la tradizionale seppur sui generis benedizione dei ramoscelli di ulivo – la liturgia della Domenica delle Palme, officiata alle 9.30 dallo stesso cardinale nel Duomo di Napoli, chiusa al popolo.
“Nella Settimana Santa – spiega l’arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe – a partire dalla Domenica delle Palme, tutti si uniformeranno, in comunione, alle celebrazioni fatte a porte chiuse nella Cattedrale e trasmesse, generosamente, in diretta televisiva”. In un vademecum per i fedeli, salvo diverse disposizioni della Cei come sottolinea lo stesso Sepe, si raccomanda di “non uscire di casa se non per i motivi fissati dalle Autorità civili (lavoro, salute, necessità). Non sono consentite tutte le cerimonie religiose”.

La celebrazione potrà essere seguita in diretta su ’emittente Canale 21

È opportuno che i Rev.di Parroci non facciano coincidere le loro celebrazioni con quelle trasmesse dal Duomo, questo unicamente – sottolinea l’Arcivescovo – per offrire al nostro popolo e in particolar modo agli ammalati, agli anziani e a quanti li assistono nelle loro case, una ulteriore possibilità di partecipare ai Riti della Settimana Santa.

Programma:

5 aprile
DOMENICA DELLE PALME
Santa Messa ore 9.30
Diretta televisiva

9 aprile
GIOVEDÌ SANTO
Santa Messa nella Cena del Signore ore 18.00
Diretta televisiva

10 aprile
VENERDÌ SANTO
Passione del Signore 0re 16.30
Via Crucis ore 18.00
Diretta televisiva

11 aprile
SABATO SANTO
Veglia Pasquale ore 18.00

12 aprile
PASQUA DI RISURREZIONE
Santa messa ore 9.30
Diretta televisiva

Nelle chiese parrocchiali le celebrazioni liturgiche della Domenica delle Palme si svolgeranno in forma semplice, a porte chiuse e non è prevista la benedizione dei rami di ulivo.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]