Cava dei Tirreni | Modifiche al Piano della sosta, Cirielli (FdI): “Una città green ed europea, ma solo a chiacchiere”

Condividi

“Ho riflettuto prima di intervenire sulla questione; nonostante i miei costanti rilievi fatti in merito alla questione sosta al Sindaco Servalli, questa maggioranza di Centrosinistra continua a gettare fumo negli occhi dei suoi concittadini” dichiara il Consigliere Comunale di FdI Italo Cirielli.
“A prescindere dal fatto che le tariffe restano alte, non si riesca a capire per quale motivo il frazionamento della sosta non sia stato previsto anche per la prima ora; capita a molte persone di fermarsi per meno di un’ora e, nonostante ciò, si è costretti a pagare per un’ora intera. A ciò si aggiunge la presa in giro della sosta gratuita per tutta la giornata nel mercato scoperto e per tre sul piazzale Gramsci per i veicoli elettrici e ibridi; tutto questo per dire che si è fatto qualcosa.” continua Cirielli “Una maggioranza europea, come gli
piace essere appellati, invece che prende in giro i propri cittadini avrebbe offerto un reale incentivo all’acquisto di veicoli elettrici.”
“Dulcis in fundo, una critica va mossa anche ai moventi che hanno dato a questi aumenti, a loro dire per decongestionare il traffico cittadino. Eppure, se l’aumento fosse frutto di una strategia, e non di una contingenza (la forte crisi finanziaria che il Comune attraversa), si sarebbero dovute prevedere, prima di un aumento delle tariffe della sosta, un piano alternativo della mobilità, incentrato su mobilità sostenibile (biciclette per i residenti del centro) e potenziamento del trasporto pubblico (una maggiore capillarità e frequenza degli stessi). Ma questa è un’amministrazione senza una visione di città, senza nessuna strategia, se non campare alla giornata, e, soprattutto, senza le necessarie capacità per far tornare Cava ai fasti di un tempo. Per amore della nostra città, non vi resta che rassegnare le dimissioni.” conclude Cirielli.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]