Caserta, De Benedictis: aderisco con convinzione al Partito Democratico e alla Mozione Orlando.

Condividi

La parola idea deriva dal greco idèin, ossia“vedere”.

NARDONE

La mia idea di politica si è costruita negli anni, vedendo ciò che accadeva attorno a me.

Il mio sguardo è stato espressione di ciò che io sono e sono stata: una madre, una cittadina, una lavoratrice ed infine una amministratrice.

Ne è nata una visione che mette al centro di ogni azione il singolo cittadino, nell’accezione più pura del concetto di democrazia.

E che attribuisce al politico il dovere di lavorare per la creazione di una società giusta, che è quella in cui ciascuno possa poter avere le potenzialità per essere ciò che desidera essere.

Un diritto ad avere la vita a cui si aspira, da un lato. Il dovere di approntare le condizioni perché ciò avvenga, dall’altro. 

Non solo la dignità di un lavoro, quindi, o di una casa in cui far crescere i propri figli o di una sanità e di una istruzione pubblica che siano degni di uno Stato Sociale.

Questo dopo 70 anni di Repubblica non dovrebbe essere più l’obiettivo, ma la base consolidata da cui partire.

La mia visione della politica è quella che vede garantire ad ogni cittadino il diritto alla piena esplicazione della propria personalità, secondo quanto previsto dalla nostra Costituzione.

Il diritto all’ambizione, il diritto alla realizzazione, il diritto alla felicità.

Il diritto ad essere donne ed uomini liberi.

Un diritto a cui il politico ha l’obbligo di rispondere, secondo quello che è il suo ruolo unico ed esclusivo: essere il servitore della gente.

Il ricordo va a mio padre, che fu amato sindaco del proprio paese, ed al portone di casa nostra sempre aperto.

Lavorare per la gente e sentirsi onorati del privilegio di poterlo fare.

Questi ideali, per me imprescindibili, li ho ritrovati in un partito e in un gruppo di persone.

Il Partito Democratico ed i suoi esponenti casertani.

Grazie alla esperienza comunale, infatti, ho avuto l’onore di conoscere persone spinte dai miei stessi valori. Mi riferisco alla Senatrice Capacchione, al Segretario Cittadino Enrico Tresca, al Sindaco Carlo Marino, all’Assessore Franco De Michele, all’intero gruppo consiliare del PD. 

Persone orientate esclusivamente al benessere della collettività casertana, persone libere, capaci, concrete, fattive.

Operai della politica, che come me sono fieri di poterlo essere. Lontano da status e in un’ottica di assoluta adesione al tessuto sociale in uno scambio osmotico in cui il dare ed il ricevere si confondono nell’unico obiettivo del perseguimento dell’interesse pubblico e del benessere sociale.

Sono pertanto onorata di poter aderire al loro progetto politico e sono ancora più onorata del fatto che essi mi abbiano ritenuto degna dello loro stima e più ancora della loro fiducia.

La mia adesione al Partito Democratico, inoltre, si affianca ad una convinta condivisione della Mozione Orlando.

La lotta alle disuguaglianze, la piena e buona occupazione, un fisco più giusto, il rafforzamento del ruolo degli enti locali, il riconoscimento di nuovi diritti, un vero piano strategico di rilancio dell’economia, il rinnovamento della politica finalizzato ad una maggiore partecipazione dei cittadini e ad una accurata selezione della classe dirigente.

Questi sono i passi necessari da intraprendere per poter rendere l’Italia un Paese in cui i nostri figli potranno e vorranno ancora vivere.

Per questo il 30 aprile io sceglierò Andrea Orlando.

 

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]