Caserta, concluso il primo corso per osservatori civici

Condividi

Trentanove volontari da oggi vigileranno sull’abbandono dei rifiuti.

NARDONE

Caserta, 5 giu. – Con la consegna dei diplomi, avvenuta presso la Sala Consiliare del Comune, si è concluso il corso che ha conferito la qualifica di Osservatori Civici della Città di Caserta a trentanove cittadini. Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, l’assessore all’Ecologia Franco De Michele ed il consigliere comunale Filippo Mazzarella, tra i promotori dell’iniziativa.

Il progetto rientra nell’ambito del “Patto per la Terra dei Fuochi” firmato a Napoli nel 2013 e del quale il Comune di Caserta è tra gli enti sottoscrittori e segue il “Regolamento Comunale per l’istituzione dell’Albo degli Osservatori Civici del Comune di Caserta” approvato in Consiglio Comunale.

Gli osservatori civici sono stati selezionati dopo colloqui individuali tra coloro che hanno risposto al bando pubblico. Nell’ultimo mese hanno frequentato un corso su argomenti che attengono prevalentemente al settore ambientale ed agli aspetti sanitari, con lezioni tenute in forma gratuita da professionisti con specifiche competenze sui temi trattati. I volontari avranno ora il compito, in collaborazione con le istituzioni locali e le reti dei comitati civici, di contribuire anzitutto alla riduzione del grave fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, rafforzando il rapporto di fiducia tra le istituzioni e la comunità locale. Gli osservatori civici abilitati offriranno in forma assolutamente gratuita la propria disponibilità per garantire attività di monitoraggio del territorio in diverse aree della città. Le procedure di comunicazione saranno immediate ed assicurate attraverso una specifica piattaforma informatica con la quale i volontari segnaleranno tempestivamente alle autorità competenti ogni irregolarità riscontrata a salvaguardia e tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]