Caserta, arrestato il latitante “Pasqualino cosciafina’”

Condividi

Il latitante dovrà scontare 30 anni di reclusione per l’omicidio di Domenico Noviello.

Lamorgese: lo Stato presente per affermare legalità e giustizia in territori difficili

Un’operazione congiunta di Polizia di Stato e Nucleo investigativo Carabinieri, coordinati dalla Dda della Procura della Repubblica di Napoli, ha portato all’arresto, ieri, del latitante Francesco Cirillo, alias ‘Pasqualino cosciafina’, resosi irreperibile dal 20 novembre 2020.

L’uomo dovrà scontare 30 anni di reclusione per l’omicidio di Domenico Noviello, avvenuto il 16 maggio del 2008 a Castel Volturno ad opera di un commando di killer guidati da Giuseppe Setola.

La cattura di Cirillo, ha detto il ministro Luciana Lamorgese, costituisce “il risultato dell’azione congiunta di magistratura e forze di polizia in territori difficili per affermare la legalità ed assicurare alla giustizia i latitanti. Una risposta concreta dello Stato che conferma, ancora una volta, l’impegno profuso da tutte le istituzioni per tutelare i cittadini e tutti gli imprenditori che coraggiosamente si oppongono alla pressione criminale”.

All’atto del rintraccio il latitante ha tentato di eludere la cattura arrampicandosi sulla facciata di un palazzo raggiungendo un terrazzo di altra abitazione dove è stato raggiunto e bloccato.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]