Casa, tra restyling e relooking: idee e soluzioni funzionali per l’inverno

Condividi

 

Il mondo della ristrutturazione sta dando sfogo a mille sfaccettature diverse. Tra i termini più diffusi dell’ultimo periodo in questo campo esistono Restyling e Relooking. I più, traducendo letteralmente dall’inglese, potrebbero pensare che siano due facce della stessa medaglia. Ma le differenze ci sono e come. Per restyling, infatti, si intende il processo di ristrutturazione della casa da un punto di vista sia edilizio che di arredamento. Per Relooking, invece, si va ad intendere un insieme di interventi che contemplano solo oggetti, mobili e finiture dell’appartamento. Oggi ci concentreremo su alcune informazioni utili per chi volesse modificare la propria casa in vista dell’inverno, con un’ attenzione particolare a soluzioni e idee funzionali per migliorare l’abitabilità e l’efficienza della propria abitazione.

Restyling e Relooking: cosa cambia e consigli pratici

Come detto, quindi, Restyling e Relooking non sono propriamente la stessa cosa. Andando più nel dettaglio possiamo dire che il Restyling contempla tutte quelle modifiche che vengono fatte nell’appartamento per cambiarne lo stile. Quindi si tratta di interventi sia edili che non, i quali vanno a toccare anche lo scheletro della casa, oltre che gli arredamenti. Una vera e propria ristrutturazione quasi da zero. Più stretto, invece, è il concetto di Relooking. Qui ci si limita all’arredamento inteso come mobili e oggettistica, seguendo alcune idee originali per rinnovare la propria abitazione. Al più si inglobano anche quegli interventi che vengono fatti su infissi (Porte e finestre), pavimenti, rivestimenti e pitturazioni. Inoltre, nei lavori di Relooking possono rientrare quelli di ampliamento di impianti già esistenti, non l’installazione di nuovi. 

Gli interventi strutturali sono esclusi. Nel Restyling, quindi, le spese saranno inevitabilmente maggiori rispetto al Relooking, ma il primo tipo di lavoro sarà necessario quando l’appartamento in questione risulti essere particolarmente datato (oltre i 30 anni). Il secondo, invece, sarà applicabile quando lo stato di salute della casa è ancora buono ma gli si vuole dare una rinfrescata. In entrambi i casi, comunque, si potrà dare un tocco diverso al proprio rifugio, specie in vista della stagione invernale. Un consiglio è quello di rinnovare il corredo di tessili. Magari partendo dai tappeti, che trattengono maggiormente il calore ed evitano il contatto con il pavimento freddo. Ma anche plaid, lenzuola e coperte nuove, colorate e calde, che consentono di scaldarsi nella stagione fredda. Per i materiali si punta sostanzialmente a cotone e lana, senza bistrattare il pail. E che dire di luci soffuse e candele, che creano un’atmosfera calda e accogliente anche se fuori nevica. Infine, piante grasse e oggettistica ecosostenibile, fatta di materiali riciclati e che aiutano la casa a risultare più festosa e divertente, nonostante la stagione delle piogge.

Soluzioni funzionali per la casa in inverno

Combattere il freddo, ovviamente, è il primo obiettivo in inverno e se si sta ristrutturando casa, quale miglior momento per trovare soluzioni innovative e che non pesino sulla bolletta. Attualmente ci sono diverse possibilità, tra cui quella di avere accesso a contributi statali pensati per le abitazioni invernali, per cercare di limitare i consumi domestici pur ricorrendo ad impianti di ultima generazione. Tra questi sono inclusi anche gli incentivi sulle stufe a pellet, sui cui è possibile trovare informazioni dettagliate in alcuni approfondimenti reperibili su internet. Una soluzione alternativa, a seguire, può essere l’installazione di caldaie a condensazione con timer intelligenti o di pompe di calore a basso consumo energetico (classe A+). 

Nell’ambito di un completo restyling della propria abitazione, poi, potrebbe essere un’ottima soluzione impiantare delle murature in legno, che consentano di trattenere il calore e riscaldare l’appartamento come fosse una baita di alta montagna. Sempre a proposito di legno, sostituire mattonelle o lastre di marmo con il parquet è un’arma efficace contro il freddo, consentendo di riscaldare l’ambiente e di stare comodamente in pantofole o a piedi nudi in casa. Anche i colori delle pareti possono fare la loro parte. Dare una riverniciata con colori caldi ma che aumentino la luminosità della casa potrebbe risultare molto utile. Infine, prediligere il velluto, sia per le tende che per i copridivani, in quanto questo tessuto, oltre ad essere facilmente lavabile, è particolarmente caldo.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]