Carceri, Rostan: “Garantire ai detenuti diritto alla salute e dignità”

Condividi

Interrogazione al Governo sul caso Cosenza

NARDONE

Roma, 28 apr. – “Garantire ai detenuti il diritto alla salute e la dignità. La pena non perda di vista l’umanità”. Lo dichiara Michela Rostan, deputata di Articolo Uno Movimento democratico progressista, componente della commissione Giustizia e prima firmataria di un’interrogazione ai ministri della Giustizia e della Salute sulla situazione, in particolare, di grave allarme nella Casa circondariale di Cosenza, emersa all’indomani di una visita di una delegazione dei Radicali italiani. “Nell’ambito della visita all’istituto – dice la parlamentare – è stato riscontrato che l’azienda sanitaria provinciale di Cosenza, da più di un anno, non garantisce, l’assistenza sanitaria psichiatrica ai detenuti che ne hanno bisogno. In particolare, il monte ore del servizio da 30 ore settimanali è stato ridotto prima a 12 ed infine a 6. Inoltre non c’è alcuna presa in carico dei pazienti, nessuna continuità terapeutica. Questo comporta un aggravio dello stato di sofferenza dei detenuti bisognosi di cure e  acuisce le loro problematiche tanto da creare uno stato di tensione che rende critico anche il mantenimento dell’ordine e della sicurezza. Per questo chiedo al Governo di garantire un suo rapido intervento. Lo stato di detenzione non può significare la perdita di diritti fondamentali come quelli alle cure, alla salute, al rispetto della dignità della persona”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]