Carceri, Di Giacomo (S.PP.): Allo Stato la gestione delle carceri è completamente sfuggita di mano. Inizio anno con evasioni, morti e pestaggi

Condividi

“Cosa dobbiamo aspettarci di più e di peggio in questo 2022 perché le istituzioni e la politica aprano gli occhi e si rendano conto che la gestione del sistema penitenziario è completamente sfuggita di mano?”. È l’interrogativo del segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria – S.PP. – Aldo Di Giacomo che aggiunge: “il nuovo anno non poteva iniziare nel modo peggiore con due evasi a Vercelli (uno ancora ricercato), un detenuto suicida a Salerno, un agente penitenziario aggredito a Solliciano-Firenze al quale, solo l’intervento di altri detenuti, ha evitato il peggio.
Uno Stato che non riesce a garantire il controllo dei penitenziari, trasformati in campi di battaglia tra clan e organizzazioni che impongono il proprio comando nei traffici interni di telefonini e droga ed esterni sui territori, la sicurezza del personale e dei detenuti – lo scorso anno i suicidi sono stati 55 e negli ultimi dieci anni più di 500 – testimonia di aver ammainato la bandiera bianca e gettato la spugna.
L’incapacità – continua Di Giacomo – è ancora più irresponsabile in questa nuova fase di diffusione della pandemia con oltre un migliaio tra agenti e detenuti positivi solo nell’ultima settimana. Una realtà che segna un trend di contagi in forte aumento in queste festività destinato dunque ad avere conseguenze impattanti e ad aggravare la situazione già di eccezionale emergenza della gestione delle carceri. Sminuire o nascondere la verità – aggiunge – può solo portare ad un’ulteriore sottovalutazione e a complicare le problematiche esistenti per la salute della popolazione carceraria e di chi lavora. Di questo passo in mancanza di misure urgenti per bloccarlo nel giro di poche settimane raggiungeremo un picco molto vicino a quello delle carceri dei Paesi sud-americani e della Thailandia dove si sono registrate sanguinose rivolte.
Per Di Giacomo “non è più tempo di Commissione per l’innovazione del sistema penitenziario, quella presieduta dal professor Marco Ruotolo. Come insegna la saggezza popolare “mentre il medico studia il malato muore”. È tempo di misure straordinarie ed urgenti e prima di tutto di mettere fine alle campagne “buonista” nei confronti dei detenuti e “di odio” nei confronti degli agenti additati all’opinione pubblica come “picchiatori”.
Almeno noi – conclude il segretario del Sindacato Penitenziari – non rinunciamo a svolgere lo storico compito di servitori dello Stato e non rinunciamo a chiedere alla Ministra Cartabia, al Governo e al Parlamento di fare fino in fondo il proprio dovere perché in questo nuovo anno diventi possibile superare il tempo perduto”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]