Carabiniere suicida, Francesca Beneduce: vigilare sulla salute del personale in divisa.

Condividi

 

NARDONE

“Ancora sconosciute le motivazioni che hanno spinto il carabiniere 45 enne di Pescara a porre fine alla sua vita.  Quel che è certo, è il disagio degli uomini e delle donne in divisa. Per ragioni squisitamente risarcitorie, l’amministrazione non pone nella giusta ottica  questa problematica. Ricordo a questo proposito che il datore di lavoro é tenuto a vigilare sulla salute ed il benessere psicofisico del lavoratore anche e soprattutto, se questi indossa un’uniforme. La mia vicinanza e quella di tutto l’Osservatorio alla famiglia del militare”.

Così in una nota Francesca Beneduce Presidente Osservatorio nazionale per i diritti e la salute dei militari e delle forze dell’ordine

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]