Capodanno: 35 le persone arrestate e 273 quelle denunciate

Condividi

Di seguito i dati del Capodanno 2023 elaborati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, concernenti gli esiti dei servizi predisposti per la prevenzione ed il rilevamento degli incidenti derivanti dall’uso dei prodotti pirotecnici, corredati delle tabelle e dei grafici riepilogativi.

I dati relativi agli incidenti verificatisi nel corso dei festeggiamenti non fanno registrare alcun episodio mortale

In calo il dato dei feriti gravi con prognosi superiore ai 40 giorni, passati da 14 a 11, mentre il dato dei feriti con prognosi inferiore ai 40 giorni si presenta in crescita.

Sono state 35 le persone arrestate e 273 quelle denunciate.

 

Nel presente prospetto di sintesi vengono riportati i dati relativi a:

  • Incidenti derivanti dall’uso dei prodotti pirotecnici in occasione dei festeggiamenti nella notte di Capodanno
  • Persone denunciate ed arrestate nel mese di dicembre 2022
  • Sequestri effettuati nel mese di dicembre 2022, in violazione delle norme in materia di prevenzione di infortuni e disastri, nonché sulla produzione, sul commercio e la detenzione di manufatti pirotecnici[1]
  • Attività di controllo delle Forze di Polizia riferita al mese di dicembre 2022

DECESSI E FERITI

Quest’anno non si sono registrati decessi dovuti a uso di materiale esplodente.

Grafico n. 1. Decessi registrati nel periodo 2016- 2023 in occasione dei festeggiamenti nella notte di Capodanno.

2rj7tA19jJPAAAAAElFTkSuQmCC

Il dato complessivo relativo ai feriti, che si è assestato a 180 (di cui 48 ricoverati), evidenzia un incremento rispetto al precedente anno (124 feriti e 31 ricoveri).

Grafico n. 2. Feriti registrati nel periodo 2016- 2023 in occasione dei festeggiamenti nella notte di Capodanno.

8XmLQ5EszhwekAAAAASUVORK5CYII=

Questo fine anno si sono registrati 11 ferimenti da colpi d’arma da fuoco, in lieve aumento rispetto ai dati del 2022 (10). 

In relazione alla gravità delle lesioni riportate, si registra un aumento nel numero di feriti con prognosi inferiore o uguale a 40 giorni (169 a confronto dei 110 dello scorso anno). Per quanto riguarda invece i feriti gravi, con prognosi superiore a 40 giorni, si registra una lieve diminuzione rispetto allo scorso anno (11 a fronte dei 14 del 2022).

In relazione al ferimento di minori, si registra un significativo aumento del dato complessivo: 50 a fronte degli 20 dello scorso anno.

Grafico n.3. Feriti con prognosi superiore a 40 giorni

8fdik2JJtW2sQAAAAASUVORK5CYII=

Grafico n.4. Feriti con prognosi inferiore o uguale a 40 giorni

v8DtfTu7SHFf7wAAAAASUVORK5CYII=

MISURE RESTRITTIVE E SEQUESTRI

I dati relativi agli arresti, alle denunce e ai sequestri, riferiti al mese di dicembre del 2022, risultano in aumento rispetto allo scorso anno per quanto concerne le persone denunciate, mentre si registra una lieve diminuzione sul fronte degli arresti.

MISURE RESTRITTIVE

Grafico n.4. dati relativi alle persone arrestate e denunciate nel mese di dicembre dell’anno di riferimento              

7EIorrhW+XPAAAAAElFTkSuQmCC

 

SEQUESTRI

Di seguito si riportano i dati relativi ai materiali sequestrati:

  • 583 strumenti lanciarazzi;
  • 8 armi comuni da sparo;
  • 11.953 munizioni;
  • 1.818 di polvere da sparo;
  • kg 108 di manufatti appartenenti alla IV e V categoria Tulps;
  • kg 246 di manufatti recanti la marcatura “CE”;
  • 9.866 di prodotti comunque non riconosciuti e cioè non ricompresi nelle categorie Tulps o “CE” perché illegali, non correttamente etichettati, non conformi alle norme CE, non rispondenti ai decreti di riconoscimento e classificazione, abusivi e/o altro;
  • 1.785.815 di parti di articoli pirotecnici di varia natura che, per motivi operativi, sono stati indicati dagli Uffici in parti anziché in chili;
  • 72 detonatori;
  • 1.301 capsule innescanti.

ATTIVITÀ DI CONTROLLO

Nella seguente tabella sono rappresentati i dati concernenti le attività di controllo svolte dalle Forze di Polizia nell’arco di tutto il mese di dicembre del 2022 presso le fabbriche, i depositi, gli esercizi di minuta vendita con licenza di P.S. di esplosivi e senza licenza.

 

  Esercizi presenti sul territorio Esercizi controllati Esercizi sanzionati
2022 2021 2022 2021 2022 2021
 

Fabbriche

 

89 103 51 62 1 4
 

Depositi

 

256 274 115 173 10 7
Esercizi di minuta vendita 1302 1481 984 928 22 25
Totali 1647 1858 5083 5128 166 152

 

EVENTI DI MAGGIOR RILIEVO

 

01 ROMA Nella notte, un 17enne ha riportato lesioni alla mano destra con prognosi di 25 giorni, a causa dell’esplosione di un petardo.
02 ROMA Nella notte, un 19enne ha riportato lesioni all’orecchio sinistro, con prognosi di 25 giorni a seguito dell’esplosione di un petardo.
03 ROMA Nella notte, un 16enne ha riportato lesioni con prognosi di 20 giorni, per lesioni a una mano causate dall’esplosione di un petardo.
04 ROMA Nella decorsa serata, un 49enne peruviano è stato trasportato in ospedale per una lesione a un dito della mano causata dall’esplosione di un petardo – prognosi di 10 giorni.
05 NAPOLI Nella decorsa serata, un 26enne malese è stato trasportato in ospedale per la perdita di un dito della mano causata dall’esplosione di un petardo raccolto in strada – prognosi di 20 giorni.
06 NAPOLI Nella decorsa serata, un 23enne è stato trasportato in ospedale a seguito di una ferita alla gamba destra, causata dallo scoppio di un petardo – prognosi di 21 giorni.
07 NAPOLI Nella decorsa serata, un 68enne è stato trasportato in ospedale a seguito di lesioni causate dall’esplosione di un artifizio pirotecnico. Il predetto ha riportato l’amputazione di due falangi di una mano – prognosi di 21 giorni.
08 NAPOLI Nella decorsa serata, un 34enne cittadino russo senza fissa dimora è rimasto ferito dall’esplosione di un artifizio pirotecnico. Il predetto ha riportato le amputazioni di 3 falangi di una mano – prognosi di 21 giorni.
09 NAPOLI Nella decorsa serata, un 12enne è stato trasportato in ospedale a causa di ferite alle mani causate dallo scoppio di un petardo – prognosi di 30 giorni.
10 MILANO Nella decorsa serata, un 21enne ha riportato la semi-amputazione di tre dita di una mano a causa dello scoppio di un petardo.
11 VERCELLI Nella decorsa serata, una donna ha riportato l’amputazione di un dito a causa dello scoppio di un petardo – prognosi di 40 giorni.
12 CREMONA Nella decorsa serata, una 55enne e una 39enne sono ricorse alle cure mediche per lesioni all’occhio causate dall’esplosione di un petardo.
13 Ugento

(LE)

Nella decorsa serata, un 80enne è stato trasportato in ospedale, in pericolo di vita, a seguito delle lesioni causate dallo scoppio di un petardo. L’uomo è stato ricoverato per un’emorragia cerebrale.
14 San Tammaro

(CE)

Nella decorsa serata, un 22enne ha riportato l’amputazione di due dita della mano a seguito dell’esplosione di un petardo – prognosi 30 giorni.
15 TARANTO Nella decorsa notte, un minore di 10 anni ha subito l’amputazione della mano sinistra a causa di un petardo raccolto da terra – tuttora ricoverato in prognosi riservata.
16 FIRENZE Nella decorsa notte, un 14enne è stato ricoverato in prognosi riservata per ferite multiple riportate a una mano e a una gamba a causa dello scoppio di un petardo.
17 BRESCIA Nella decorsa notte, un 23enne pakistano ha riportato l’amputazione di tre dita della mano – prognosi di 60 giorni.
18 BRESCIA Nella decorsa notte, un 33enne moldavo è stato ricoverato in ospedale per lesioni all’inguine causate dallo scoppio di un petardo – prognosi di 40 giorni.
19 BRESCIA Nella decorsa notte, un 30enne indiano è stato ricoverato in ospedale per lesioni al volto esploso in strada – prognosi di 30 giorni.
20 CROTONE Nella decorsa notte, un 37enne ha riportato l’amputazione di una falange a causa dello scoppio di un petardo – prognosi di 30 giorni.
21 REGGIO CALABRIA Nella decorsa notte, un 40enne pregiudicato è stato attinto da un proiettile vagante presso la propria abitazione – tuttora ricoverato in prognosi riservata.
22 Gallipoli

(LE)

Nella decorsa notte, un 53enne ha riportato la frattura della mano destra a causa dell’esplosione di un petardo – prognosi di 20 giorni.

 [1] Cfr. D.M. 9 Agosto 2011; D.L.vo 29/7/2015 n.123 e D.Lvo 1/1/2016 n.1 ; Art. 53 e 57 TULPS etc..

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]