Campania Trasporti, Cumana: De Luca consegna il primo di dodici nuovi treni

Condividi

Napoli, 29 mag. – “Abbiamo consegnato questa mattina il primo dei 12 treni nuovi che consegniamo per la linea della Cumana”. Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, in occasione della consegna di uno dei nuovi treni per la linea Cumana, alla stazione di Montesanto, a Napoli. “Nell’arco di 10 mesi cambiamo tutti i treni che sono in servizio su questa linea ­ ha affermato ­ Parliamo alla fine di 12 treni che metteremo in circolazione”. “Molto spesso si creano rallentamenti, salti di fermate, perché abbiamo soltanto 10 treni in certi casi e ne servono il doppio ­ ha aggiunto ­ Ecco perché oggi è una giornata importante. Questo è un passo in direzione del rinnovamento generale, sia dei mezzi su ferro sia dei mezzi su gomma e di riorganizzazione di tutto il trasporto pubblico locale. A settembre riprendiamo anche i lavori per la stazione di Montesanto, riattiviamo anche la scala mobile esterna alla stazione che sarà consegnata al Comune di Napoli e che servirà ai cittadini. Il primo treno sarà in circolazione tra 10 giorni, nei prossimi 10 mesi completiamo il rinnovo del parco treni”. “Dovendo ordinare treni nuovi ­ ha proseguito ­ abbiamo previsto anche alcune condizioni tecniche. Così quando abbiamo fatto questa gara, abbiamo previsto nel capitolato anche l’obbligo di creare una banchina della stazione per i disabili. C’è una sistema di aggancio per la carrozzina al treno e un citofono con il quale il disabile può contattare direttamente il macchinista per eventuali problemi. + una scelta di civiltà che ci riempie di orgoglio”. “Un motivo ulteriore di soddisfazione è che i treni sono stati realizzati dalla ex Firema che era entrata in crisi ­ ha concluso ­ L’aver messo in produzione questi treni ha consentito di salvare una grande realtà industriale e metalmeccanica che avevamo nel nostro territorio”.

NARDONE

 

 

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]