Campania, Flora Beneduce (FI): Vesuvio ed emergenza roghi dolosi

Condividi

Napoli, 13 giugno 2017 – “Tutti sappiamo i danni all’ambiente ed alla nostra salute causati dagli sversamenti di materiali pericolosi ad opera di ignoti, poco si parla invece di un’altra questione altrettanto degna di rilievo: quella afferente i roghi che comunemente vengono appiccati alle nostre terre, con ciò distruggendo irrimediabilmente ettari ed ettari di vegetazione” così afferma la consigliera di Forza Italia e componente della commissione Ambiente, dott.ssa Flora Beneduce, all’indomani dell’ennesimo incidente verificatosi in località Cava Fiengo tra i comuni di Ercolano e San Sebastiano al Vesuvio (Na), che ha visto impegnati, per l’intera giornata, i Vigili del Fuoco. La consigliera prosegue dichiarando che “Il problema relativo alla sorveglianza di tali aree nasce dalla circostanza che, secondo indiscrezioni, le telecamere ivi installate siano solo apparenti, ossia non offrano un utile servizio di controllo. E Se è così, bisogna tristemente constatare un notevole spreco di denaro pubblico. In merito, in particolare, al Parco del Vesuvio, le istituzioni nominate dalla politica dovrebbero occuparsi meno delle nomine e dei vari organigrammi, spendendo più energie per la salvaguardia del territorio in via preventiva, ossia utilizzando gli strumenti tecnologici oggi noti, come le telecamere, i droni – diffusi, ahinoi, solo nelle cerimonie ed in campo cinematografico! – La prevenzione è in realtà l’unico strumento atto a debellare i roghi e ad evitare di dover impiegare uomini e mezzi per sedare gli incendi. Inoltre, i danni all’ambiente che in tali casi si verificano durano poi per decenni, in quanto la vegetazione sottostante fatica a rigenerarsi, essendo gli incendi distruttivi ed erosivi. La salvaguardia dei nostri territori dovrebbe coinvolgere ed interessare l’intera popolazione, facendo desistere chi appicca gli incendi, in considerazione del fatto che i loro figli, sono esposti, come tutti noi, all’inquinamento ambientale, non solo dannoso, ma mortale. 

NARDONE
loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]