Caldoro “Errori sono di oggi. La Regione ha sbagliato”

Condividi

“L’emergenza di Mondragone e’ di queste ore e nasce da ordinanze sbagliate e dalla mancata prevenzione sanitaria e sociale”. Lo dice Stefano Caldoro, capo della opposizione di centrodestra in Consiglio regionale e candidato presidente in Campania.

NARDONE

“C’è – dice – solo un responsabile: chi guida la Regione oggi. Oggi e non cinque, dieci o cento anni fa. Chi dice questo, scaricando la responsabilità su Sindaci, Prefetti, Questori e Ministri, mente!”.

“Ora serve garantire i cittadini, la loro salute, la sicurezza così come ha fatto il Presidente della Provincia di Caserta che ha deciso un intervento straordinario di sanificazione nel territorio comunale. Si è sostituito, opportunamente, alla Regione Campania ferma e inadempiente”.
“In questi giorni continuo a seguire, in stretto contatto con Giorgio Magliocca e le Istituzioni preposte alla sicurezza, la drammatica situazione”. 

“Le Istituzioni devono risolvere i problemi ed essere protettive e mai punitive” conclude .

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]