Caiazzo – Teatro Jovinelli, il 2022 comincia con ‘Piccoli crimini coniugali’: in scena domenica 9 gennaio

Condividi
Primo appuntamento dell’anno solare 2022 al Teatro Jovinelli di Caiazzo. La rassegna diretta da Enzo Varone, in collaborazione con il maestro Franco Mantovanelli, giunge al quarto appuntamento stagionale. Domenica 9 gennaio a partire dale ore 18,45, Antonio D’Avino e Goia Miale porteranno in scena ‘Piccoli crimini coniugali’.
Si tratta dell’adattamento di D’Avino della brillante commedia nera con una suspense sorprendente, un vero divertimento ma anche una spietata riflessione sulla madre di tutte le guerre: quella dentro la coppia. Dopo aver subito un brutto incidente domestico, Lui torna a casa dall’ospedale completamente privo di memoria, ragiona ma non ricorda, non riconosce più neppure la moglie, che tenta di ricostruire la loro vita di coppia, tassello dopo tassello, cercando di oscurarne le ombre. Via via che si riportano alla luce informazioni dimenticate, si manifestano delle crepe: sono molte le cose che cominciano a non tornare. In questo giallo coniugale, in cui la verità non è mai ciò che sembra, la memoria, la menzogna e la violenza vengono completamente riviste per assumere dei significati nuovi, inaspettatamente vivificanti. L’autore gestisce la scrittura con grazia e freschezza, giocando briosamente tanto col metateatro quanto con oggetti ostici quali “la verità”, “la colpa” e, soprattutto, “l’amore”. Una macchina narrativa pressoché perfetta che svela impietosamente i meccanismi della coppia e i più intimi recessi dell’animo umano.
Sarà un ritorno in massima sicurezza, in rispetto delle norme anti Covid-19, per il pubblico caiatino, e non solo, che assisterà alla messa in scena nella sala di Palazzo Mazziotti.
Il costo del biglietto è di 12 euro. Per prenotare gli ingressi in anticipo è possibile chiamare i numeri 335 1739467   oppure  339 1401547.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]