Brucellosi, Centinaio e Zinzi: “La Lega al fianco degli allevatori, comparto da tutelare”

Condividi

Pieno e incondizionato sostegno da parte della Lega alla battaglia che stanno conducendo gli allevatori bufalini della provincia di Caserta. È stato ribadito oggi dal sottosegretario alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Gian Marco Centinaio, e dai consiglieri regionali della Campania, Gianpiero Zinzi e Severino Nappi, presenti alla V edizione degli Stati generali in difesa del Patrimonio Bufalino, in corso di svolgimento presso la Sala delle Bandiere – Parlamento Europeo a Roma. Gli allevatori casertani manifestano da mesi contro un piano regionale di eradicazione della brucellosi che sostengono non dia esaustive risposte all’emergenza che ha portato alla chiusura di 300 aziende e all’abbattimento di 140mila bufale.

“Il problema della brucellosi non si risolve abbattendo in modo indiscriminato le bufale, così si distrugge non solo un settore ma si mette in ginocchio un territorio, la sua reputazione e la possibilità di creare occupazione e attrarre turismo, come avviene in altre parti d’Italia, ad esempio nella Food valley”. Lo ha detto nel suo intervento il senatore Gian Marco Centinaio, sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali. “Purtroppo – ha aggiunto Centinaio – c’è una parte di politica che non ascolta e pensa che le sue proposte siano le uniche realizzabili, ma quando non ci si confronta si è sempre dalla parte sbagliata. Si può e si deve fare un percorso attraverso le vaccinazioni. Occorre trovare le soluzioni migliori per risolvere il problema, per gli allevatori e per tutta la Campania”.

 “La presenza e la forte apertura manifestata dal sottosegretario all’Agricoltura Gian Marco Centinaio – ha dichiarato il capogruppo Lega in Consiglio regionale della Campania, Gianpiero Zinzi – sono segnali importanti perché rafforzano una battaglia legittima che non è solo ristretta ai confini territoriali campani. Le bufale casertane e la nostra mozzarella sono delle eccellenze da tutelare, per questo gli Stati generali sono stati l’occasione per costruire una filiera istituzionale che dovrà fornire risposte all’intero comparto. A cominciare dalla Regione Campania dove, nonostante il muro di silenzio alzato dal presidente De Luca e dall’assessore Caputo, continueremo a chiedere con forza che il piano regionale di eradicazione della brucellosi sia discusso e modificato in Consiglio regionale e non resti invece un atto di imperio che distrugge più che sostenere”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]