Bourelly: in prima linea sul territorio per la crescita della Campania

Condividi
Un importante incontro sull’attuale situazione economica in Italia e a Napoli si è svolto presso l’Unione degli industriali. A promuoverlo è stato Guido Bourelly (componente del Consiglio generale dell’Unione) che durante l’incontro ha presentato l’opera editoriale “Soc…correre, la nostra mission” , che raccoglie le esperienze di 65 anni di attività del gruppo familiare da lui guidato.
Bourelly group è una realtà affermata nei settori del soccorso stradale e dell’emergenza 118.
Guido Bourelly spiega: “Voglio ringraziare pubblicamente tutti i nostri collaboratori e operatori. La nostra è un’azienda giovane, in cui l’età media della governance è di under 35. Al tempo stesso però abbiamo salde le radici nella tradizione: il gruppo infatti opera in Campania ed in Italia da tre generazioni. Un grazie particolare va a mio padre Lorenzo ed a mio fratello Alessandro, che si occupano rispettivamente della supervisione dei processi aziendali e dell’organizzazione del soccorso, il cuore delle nostre attività”.
Ad intervenire al confronto svoltosi presso l’Unione degli industriali sono stati:
Costanzo Jannotti Pecci, Presidente Unione Industriali Napoli; Vittorio Ciotola, Presidente Gruppo Giovani Confindustria Napoli; Sergio Rastrelli, Senatore della Repubblica e avvocato; Antonio Coppola, Presidente ACI sezione di Napoli; Ferruccio Fiorito, Avvocato e autore della prefazione del libro.
Nel dibattito pubblico si è discusso anche della nuova manovra economica del governo Meloni, del processo di autonomia differenziata e del futuro del reddito di cittadinanza, tema questo tra i più sentiti, a Napoli ed in Campania, sia tra le imprese che tra le famiglie.
I relatori intervenuti all’incontro promosso da Bourelly hanno anche richiamato l’attenzione sulle difficoltà che oggi tutte le imprese incontrano nell’operare sul territorio campano a causa del caro energia.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]