Bonaccini in pole. “No allo scioglimento del Pd”

Condividi

Stando poi al sondaggio mandato in onda da Bianca Berlinguer a Cartabianca, su Rai 3, che prende in esame tutti i possibili candidati, ufficiali, semi-ufficiali o ufficiosi, le speranze su Schlein sono basse: i dati di Berlinguer danno infatti in pole il governatore dell’Emilia Romagna Bonaccini che raggiunge il 33% dei voti degli intervistati, e dietro di lui, la sua vice Elly Schlein, che raccoglie solo il 18%.

“No allo scioglimento di un partito che comunque con tutti i difetti e gli errori che può aver commesso raccoglie quasi il 20% dei voti, è il secondo partito a livello nazionale dopo Fratelli d’Italia, è di gran lunga il primo partito di opposizione nel campo del centro sinistra.

Sarebbe un regalo alla destra andare a scioglierlo”.

A dirlo è il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, alla viglia della direzione del Pd convocata dal segretario Enrico Letta. “Io credo che il Pd – ha proseguito Bonaccini – se saprà rigenerarsi sarà ancora una forza che potrà dare tanto a questo Paese dal punto di vista di chi crede nel bisogno di un centro sinistra plurale, più largo, competitivo”. Per Bonaccini “senza il Partito Democratico” è “impossibile immaginare in futuro una vittoria contro le destre”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]