Bomba nel centro commerciale: morti e feriti

Condividi

Roma, 17 giu. – Attentato terroristico in Colombia. Il bilancio è gravissimo: tre donne morte e 11 feriti, di cui tre gravi. Una bomba è stata fatta esplodere ieri nel bagno femminile di un popolare centro commerciale di Bogotà. A riferire la tremenda notizia è il ministro dell’Interno Guillermo Rivera. Anche il sindaco della città Enrique Penalosa ha poi confermato che le prime indagini sembrano indicare senza dubbio che si tratti «di un attacco terroristico». Il primo cittadino ha aggiunto che si tratta di un “atto codardo” e l’attenzione si è concentrata immediatamente sull’Esercito di liberazione nazionale, che è l’ultimo movimento ribelle ancora attivo in Colombia.

NARDONE

Il sindaco Enrique Penalosa lo ha definito un “un codardo attacco terroristico” e l’attenzione si è concentrata immediatamente sull’Esercito di liberazione nazionale (Eln), ultimo movimento ribelle ancora attivo nel Paese sudamericano. La vittima francese è stata identificata come Julie Huynh, da sei mesi a Bogotà come volontaria in una scuola di un quartiere povero.

Del caso se ne sta occupando l’antiterrorismo. Le vittime accertate sono una 23enne francese, Julie Huynh, che lavorava come volontaria in una scuola che accoglie bambini poveri e altre due giovani donne di 27 e 31 anni. L’esplosione è avvenuta nel bagno delle donne al secondo piano del centro commerciale ‘Andinò, uno shopping centre enorme che ieri era anche molto affollato per la celebrazione della festa del papà.

Più di 260 vigili del fuoco, supportati da circa 80 auto-idranti, stanno lavorando per contenere le fiamme, ma non sono riusciti a impedire che si propagassero nel villaggio di Figueiró dos Vinhos. I forti venti che interessano la zona hanno reso difficile il lavoro ai vigili del fuoco. Ancora sconosciute le cause dell’incendio. Pedrogao Grande ha una superficie di 128 chilometri quadrati, in cui vivono circa 4.000 abitanti, principalmente impiegati nei settori dell’agricoltura e della produzione tessile.

Il gruppo terroristico, noto come Eln, ha effettuato una serie di attentati a Bogotà negli ultimi mesi ma in questo caso nega ogni coinvolgimento. A quanto si apprende la vittima francese si stava preparando a tornare in patria nei prossimi giorni in compagnia di sua madre, che era con lei a Bogotà.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]