Benevento e Napoli. L’attrice e cantante Ottavia Fusco Squitieri presenterà il suo libro “Nu’ piezzo ‘e vita”

Condividi

8 e 9 Aprile

OTTAVIA FUSCO

 SQUITIERI

Sarà a

 BENEVENTO e NAPOLI

Per la presentazione del suo libro

 “NU’ PIEZZO ‘E VITA”

(Il mio amore per Pasquale, lettera per lettera)

LA STORIA DI UN GRANDE AMORE RACCONTATA DALL’ULTIMA MOGLIE DI PASQUALE SQUITIERI

NU PIEZZO E VITA

L’8 aprile ore 17,30 presso l’Auditorium Virgineo Museo del Sannio di Benevento, l’attrice e cantante Ottavia Fusco Squitieri presenterà “Nù piezzo ‘e vita” il suo libro edito da Santelli Editore con la prefazione di Barbara Alberti, l’introduzione di Massimo Cotto e la postfazione di Matteo Fantozzi. E’ la storia di un grande amore raccontata dall’ultima moglie di Pasquale Squitieri: il ritratto inedito e sorprendente di un maestro del cinema e di un uomo libero. Interverranno Elide Apice, Maria Grazia Nazzaro e Alda Parrella.

A seguire il 9 aprile, l’artista sarà presente Al Blu di Prussia – Fondazione Mannaiuolo di Napoli ore 18.

Difficile raccontare un grande amore. Difficile raccontare una grande personalità come quella di mio marito Pasquale Squitieri: il regista e l’uomo, un personaggio scomodo, come chi fa della libertà  la propria bandiera. Odiato o amato, senza mezze misureIl mio desiderio, con questo libro, è di mantenere vivo il suo ricordo ma  anche di svelare gli aspetti più sorprendenti della sua personalità attraverso  il racconto della nostra vita insieme, del nostro  “Piezzo ‘e vita”, appunto. Ispirandomi al “Nomen Omen” di antica romana memoria – secondo cui il destino di un essere umano fosse racchiuso nel suo stesso nome – racconterò Pasquale e il nostro amore lettera per lettera: ogni lettera, cioè, del suo nome e cognome darà vita al racconto e al ricordo, per analogie e libere associazioni, componendone il ritratto. Un amico mi ha suggerito una definizione per Pasquale, adesso che non c’è più: Il diversamente vivo. E’ davvero così per me: Pasquale è vivo in modo diverso ma fortemente vivo. Ed è quanto vorrò trasmettere ai lettori: una presenza vivida, forte, adorabile e provocatoria. 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]