“Basta una mano” il nuovo libro di Eugenio Landino presentato venerdì prossimo al Museo Archeologico di Maddaloni

Condividi

Un pomeriggio al museo tra poesia e archeologia: l’evento targato Pro Loco Città di Caserta 

La Pro Loco Città di Caserta APS, in collaborazione con l’Ass. Naz. Amministrazione Militare (A.NA.CO.MI.) e l’Associazione Blue Entertainment, presenterà domani,  25 novembre 2022, a partire dalle ore 16:00, il libro di poesie del proprio Associato Eugenio Landino, dal titolo “Basta Una Mano”, nella splendida cornice del Museo Archeologico di “Calatia” di Maddaloni.

L’evento sarà preceduto da una visita guidata – libera – alle sale espositive, a cura del personale del Museo, prevista per le quattro del pomeriggio. A seguire il momento della presentazione del libro (ad invito) con i saluti introduttivi del presidente della Pro Loco, Gen. Giuseppe Ianniello, del Presidente Nazionale dell’A.NA.CO.MI., Gen. Salvatore Farì. Interverranno, nella conversazione a tema, il prefatore, Prof. Rocco Pititto dell’Università Federico II di Napoli, e il Prof. Emilio De Roma, quale delegato dell’Editore “Il Saggio”.
A cura dell’autore avverrà anche la declamazione di alcune poesie selezionate da lui personalmente per l’occasione. Al termine dell’evento, sarà offerto un vin d’honneur.

Il gen. Ianniello, nella sua qualità di presidente della Pro Loco della Città capoluogo di provincia, ha tenuto a ringraziare pubblicamente l’Ente Museale per la “graditissima ospitalità” – ha detto – “e l’indispensabile collaborazione. Un grazie va anche ai conferenzieri“. Ha poi aggiunto: “Auspico la miglior riuscita dell’evento ed auguro di vero cuore il miglior successo al nostro socio Landino per il suo capolavoro letterario“. Continuando ha poi aggiunto: “Abbiamo bisogno di riscoprire la nostra terra, le nostre origini e promuovere sempre più cultura, per le nuove generazioni soprattutto“.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]