Baia-Latina – Santuario Madonna delle Grazie, il restauro potrebbe presto essere finanziato dalla Regione Campania

Condividi

Don Antonio Sasso: “Fondamentale il lavoro di squadra avviato anni fa dal sindaco dell’epoca Michele Santoro.

È in itinere il finanziamento del progetto per il restauro conservativo del Santuario Madonna delle Grazie in Baia e Latina, il caratteristico luogo di culto che sovrasta la frazione Latina e meta prediletta dei fedeli della comunità della media valle del Volturno e dei comuni viciniori.

NARDONE

Con nota recapitata nei giorni scorsi al parroco Don Antonio Sasso, la SCABEC, la società in house della Regione Campania nata per la valorizzazione del patrimonio culturale regionale, ha comunicato che l’intervento a farsi sull’edificio di culto cristiano sarà oggetto di un ulteriore approfondimento prima del suo definitivo finanziamento che verrà sicuramente concesso nei prossimi mesi.

All’esito dell’istruttoria preliminare conclusa nelle scorse settimane, la proposta progettuale presentata negli anni scorsi dalla parrocchia, con l’ausilio  dell’Arch. Linda Petrella, a valere sui fondi di cui al POC Campania 2014/2020, è stata dichiarata ammissibile ma non ancora assentite le necessarie somme per la sua realizzazione, nell’ambito del programma  di interventi per il recupero e la valorizzazione del patrimonio materiale ed immateriale delle Chiese  degli Enti Parrocchiali presenti in Campania.

“Siamo fiduciosi in una rapida concessione, da parte della Società Campania Beni Culturali (Scabec), del finanziamento del nostro progetto che presentammo qualche anno fa, con un lavoro di squadra e di sinergia istituzionale tra Parrocchia e Comune, all’epoca guidato dall’ex sindaco Michele Santoro, che ringrazio per avermi segnalato la opportunità fornita dalla Regione Campania per restaurare e sistemare definitivamente il nostro Santuario di Madonna delle Grazie, cui la comunità locale di fedeli è molto devota tanto da essere meta continua di visite e funzioni religiose”, dichiara il sacerdote Don Antonio Sasso.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]