Avellino e fase 2: per il rilancio, essenziale rispettare le regole

Condividi

Confronto tra prefettura, regione, categorie produttive e sindacati. Allo studio una piattaforma di proposte

«Dobbiamo muoverci tutti nella stessa direzione per ridare slancio ad un territorio che è stato particolarmente segnato dall’emergenza». Lo ha detto ieri il prefetto di Avellino Paola Spena ai rappresentanti della regione, delle categorie produttive e commerciali e delle organizzioni sindacali riunite con il prefetto in videoconferenza per fare un punto sulle strategie per la ripresa economica del territorio che si sta aprendo alla fase 2 dell’emergenza Covid-19, dopo il periodo di lockdown.

La ripresa non può prescindere dal rispetto delle misure di sicurezza a tutela dei lavoratori e dei consumatori, ha detto Spena riferendosi in particolare quelle finalizzate a evitare il contagio sia contenute nei protocolli di settore firmati da governo e parti sociali che individuate dalla regione Campania.

Un contesto di sicurezza e rispetto delle regole, ha sottolineato ancora il prefetto, può rappresentare il volano che spinge la comunità a riavvicinarsi alle attività. In quest’ottica ​«è evidente la necessità di accelerare nella gestione e nella fruizione degli strumenti di sostegno economici, sia da parte della regione che delle associazioni di categoria», ha aggiunto, citando come esempio la situazione del comune di Ariano Irpino dove ci sono «numerose piccole imprese che, allo stato, appaiono essere particolarmente in affanno».

La capacità produttiva locale si sarebbe già ridotta del 30% in questi mesi, hanno rilevato i rappresentanti delle associazioni di categoria: da qui la richiesta del prefetto all’assessore regionale alle Attività produttive Marchiello di attivare il prima possibile strategie di rilancio che tengano conto delle peculiarità del territorio irpino.

La regione si è dichiarata dispobibile ad ascoltare le diverse parti in gioco, che con l’appoggio della prefettura hanno proposto proposto la definizione di una piattaforma con proposte concrete, anche di marketing, per il rilancio del territorio dal punto di vista turistico, ambientale ed enogastronomico, sulla quale si farà un primo punto in una prossima riunione, ha annunciato Spena.

Intanto proseguono i controlli sul rispetto delle misure anti contagio negli ambienti di lavoro da parte di nuclei ispettivi composti da operatori dei Vigili del fuoco, dell’azienda sanitaria locale, dell’ispettorato territoriale del Lavoro e dei Carabinieri-Comando Tutela del Lavoro, che stanno riscontrando nella maggior parte dei casi l’avvenuto adeguamento delle aziende alle norme di sicurezza.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]