Auriemma contro Di Maio “lasci in pace le famiglie in difficoltà”

Condividi

Non sono rimaste inascoltate le parole di Luigi Di Maio al meeting di Rimini organizzato da Comunione e Liberazione sul Reddito di Cittadinanza, tant’è che la candidata per il M5S al collegio uninominale di Acerra – che comprende anche la città natale dell’ex ministro del lavoro – Carmela Auriemma ha commentato in modo lapidario la sua uscita.

Mi fanno rabbia le parole di Luigi Di Maio contro il milione di famiglie italiane che oggi possono comprare beni di prima necessità e fronteggiare alle esigenze quotidiane grazie al Reddito di Cittadinanza. È l’ennesima giravolta di un personaggio che dopo aver preso in giro un’intera comunità, abbandonato il territorio e cercato di distruggere il MoVimento che lo aveva portato a Roma, adesso si accoda alla narrazione del sistema unico.” continua “questa continua demonizzazione di uno strumento di civiltà è avvilente, è figlia di un apparato che non conosce le difficoltà del vivere quotidiano tra la mancanza o lo sfruttamento del lavoro, il carobollette o l’inflazione cavalcante”.

Parlando della sua esperienza come Consigliera Comunale sottolinea come abbia inciso lo strumento sulla vita di migliaia di famiglie che, soprattutto durante e dopo la pandemia, hanno perso il proprio lavoro. Sulle prospettive precisa “badate bene, il Reddito va certamente rivisto per togliere quelle storture che hanno permesso a criminali di lucrarci sopra e, come dice lo stesso programma del MoVimento per le prossime politiche, rendendo più efficiente il sistema delle politiche attive e il monitoraggio delle misure antifrode, ma mai, e dico MAI, va abolito depotenziato incidendo in modo vessatorio sull’offerta lavorativa”.

Conclude poi sentenziando “se il centrodestra e il centrosinistra preferiscono rimanere rintanati nella loro torre d’avorio possono benissimamente farlo, ma lasciassero in pace le famiglie!

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]