Aumento indiscriminato delle strisce blu a Cava, Imma Vietri (FdI): “Il Comune faccia chiarezza, grave danno per famiglie e commercianti”

Condividi

Cava de’ Tirreni, 31 gen. “L’amministrazione comunale di Cava de’ Tirreni faccia chiarezza sull’incremento di strisce blu in città”. È l’appello lanciato, in una nota, dal commissario cittadino di Fratelli d’Italia Imma Vietri che si fa portavoce di diverse lamentele giunte, soprattutto, dalle zone periferiche della città, a seguito in ultimo dell’apposizione dei stalli a pagamento su Via G. Palumbo. “Attraverso un’apposita interrogazione il consigliere comunale di FdI Italo Cirielli, grazie ad un attento lavoro svolto in sinergia con la responsabile del dipartimento Tutela Consumatori di FdI Daniela Picozzi, chiederà giustamente se, parallelamente alla realizzazione di nuovi parcheggi a pagamento, sono state individuate aree di sosta libera così come previsto dalla legge. Ricordo infatti – continua Vietri – che è stata la Corte di Cassazione (sentenza 116/2007) a sancire l’obbligo per i comuni di prevedere aree di parcheggio libero laddove insistono zone di sosta a pagamento. Non vorrei che, pur di fare cassa con i soldi degli automobilisti, il Comune si sia fatto prendere un po’ la mano con la vernice blu. Aumentare a dismisura i parcheggi a pagamento significa provocare un grave danno economico non solo ai residenti – costretti a fare abbonamenti per poter parcheggiare vicino alle loro abitazioni – ma anche ai commercianti e ai gestori dei locali della movida che rischiano di vedere ridotte le presenze di clienti provenienti dai comuni limitrofi. E’, dunque, opportuno che il sindaco Servalli e l’assessore alla viabilità Baldi chiariscano attraverso quale criterio vengono realizzate tutte queste aree di sosta a pagamento in città e in che modo intendono agevolare economicamente le famiglie cavesi, che da anni vengono tartassate con tributi elevati imposti dal Comune” conclude Vietri.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]