Attentato terroristico a Vienna

Condividi
Anna Tortora
Anna Tortora

Le notizie che giungono dall’Austria sono terribili, si parla di un attentato terroristico studiato.
Attentato a Vienna, spari vicino alla sinagoga nel centro della città: 4 morti, tra cui un assalitore, 17 i feriti. Un commando in azione e un attacco multiplo nella capitale austriaca affollata di persone alla vigilia lockdown. Il ministro dell’Interno, Karl Nehammer, parla terrorismo “Una persona radicalizzata. Abbiamo subito un attacco da un terrorista islamico. Era armato con una cintura esplosiva (rivelatasi poi falsa ndr), austriaco, e aveva con sé una borsa con munizioni”.
Notte di terrore nel centro della capitale, sei attacchi simultanei.
Sebastian Kurz “Siamo nel pieno di un attentato terroristico”, inoltre è stata confermata la matrice islamica.
In un suo tweet delle 23.16 di ieri sera “Attualmente stiamo attraversando tempi difficili nella nostra Repubblica. Vorrei ringraziare tutti i servizi di emergenza che rischiano la vita, soprattutto oggi per la nostra sicurezza. La nostra polizia intraprenderà un’azione decisiva contro gli autori di questo orribile attacco”.
La polizia è ancora molto attiva nella capitale austriaca. Si segnalano diverse persone arrestate mentre è stata confermata la perquisizione dell’appartamento dell’attentatore ucciso.
“Notiziario Sky delle ore 7:
– si parla per circa 10 minuti degli islamici assassini di Vienna, senza pronunciare mai parole come Islam, islamico, islamista, musulmano.
I soggetti vengono definiti vagamente sempre e soltanto attentatori.
Eppure, si tratta dell’ennesimo attacco alla civiltà occidentale da parte di bestie feroci urlanti ‘Allah Abkar!’
Giancarlo Lehner
E mentre in Italia si va con le pinze, il cancelliere austriaco non ha esitato a parlare di terrorismo.
“Un movente antisemita per il momento non può essere escluso, anche alla luce del luogo dal quale l’attacco è partito”.
La testimonianza del collega Gianni Svaldi, direttore del Corriere del giorno
“Ciro Svaldi sta bene. È riuscito a rientrare a casa a notte fonda, attraversando una città sotto attacco, assediata e impaurita, presidiata da forze di polizia e esercito. Alle 20 di ieri si trovava a lavoro, in uno dei bar di Schweden Platz Vienna. Per quanto ne sappiamo è una delle prime zone prese di mira nell’attentato che ha coinvolto vari punti della città. I terroristi hanno colpito con armi da fuoco pesanti, fucili a ripetizione, le vetrine del bar ma non sono riusciti ad entrare nel locale. Ciro e le persone presenti in quel bar sono stati fortunati, ad altri non è andata così e a casa non ci torneranno mai più. Grazie da parte di tutta la mia famiglia ai tantissimi che hanno scritto in privato”.
È possibile che il Covid19 abbia focalizzato le attenzioni solo su di sé, indebolendole su altri fenomeni tipo gli attentati?
“Mi sembra chiaro che il fondamentalismo islamico stia adattando la propria agenda sulla debolezza europea causata dal Covid puntando a generare caos. Chiedo il rafforzamento delle misure di sicurezza in Italia che mi risultano non essere ancora passate a livello 2 sul terrorismo. Oltre ai fatti eclatanti di Parigi, di Nizza e di Vienna ricordo che un terrorista è stato ucciso a Avignone, che una donna si voleva far saltare in aria alla stazione di Lione il 22 ottobre, che sempre a Lione il 31 ottobre è stato preso a fucilate un prete greco-ortodosso, che a Gedda è stata assaltato il consolato francese in Arabia Saudita, che l’uccisione di don Malgesini a Como è identica per modalità e nazionalità dell’assassinio alla strage operata da Brahim Aouissaoui”
Mario Adinolfi
Le indagini proseguono e anche dall’Italia partono messaggi di solidarietà.
“Ferma condanna dell’attentato che questa sera ha colpito la città di Vienna. Non c’è spazio per l’odio e la violenza nella nostra casa comune europea. Vicinanza al popolo austriaco, ai familiari delle vittime e ai feriti”.
Giuseppe Conte
“In questo momento a Vienna è l’intera Europa a i suoi valori di libertà e democrazia ad essere sotto attacco. Nessun cedimento davanti a questo orrore. Uniti vinceremo anche questa battaglia”.
Elisabetta Casellati
” Solidarietà piena al popolo austriaco per questo ennesimo attacco terroristico nel cuore dell’Europa. L’Occidente ce la può fare solo se combatte questa battaglia insieme. Dobbiamo essere uniti contro il terrore ”
Renato Brunetta

NARDONE
loading...

Anna Tortora

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.