Attentato Barcellona, bandiere a mezz’asta al Comune di Napoli : due italiani tra i 14 morti sulle Ramblas

Condividi

Napoli, 18 ago. – Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha disposto stamani le bandiere di Palazzo San Giacomo, sede del Comune, e del Consiglio Comunale, a mezz’asta in segno di lutto per l’atroce attentato terroristico di Barcellona. Lo riferisce una nota diffusa dal Comune di Napoli.

NARDONE

Tra le vittime ci sono due italiani. Lo conferma alle telecamere Stefano Verrecchia, capo unità di crisi della Farnesina. “Il nome non ha senso che lo dica io, ma va tutto in una direzione”.

Confermata la morte dell’italiano Bruno Gulotta, 35enne di Legnano rimasto ucciso nella strage di Barcellona. La ditta informatica dove lavora, la Tom’s Hardware, ha pubblicato un necrologio stamattina sul proprio sito web: “Oggi per noi è giornata di lutto. Ci stringiamo tutti con affetto alla compagna Martina e ai due figlioletti di Bruno”.

“All’ambasciata italiana in Spagna risulta finora che tre connazionali sono rimasti feriti nell’attentato a Barcellona”.  Lo ha detto a ‘6 su Radio 1’ l’ambasciatore a Madrid Stefano Sannino.

L’attentato di Barcellona è stato rivendicato dall’Isis tramite l’agenzia di stampa Amaq, che ha parlato di più attentatori definendoli “soldati dello Stato islamico”. È la seconda volta che la Spagna viene colpita dal terrorismo jihadista: la prima volta era stato a Madrid 13 anni fa, con gli attacchi simultanei a quattro treni dell’11 marzo del 2004, in cui morirono 192 persone. Il premier Mariano Rajoy è atteso a Barcellona, dove sarà accompagnato dalla vicepremier e dal ministro dell’Interno: “I terroristi non sconfiggeranno un popolo unito che ama la libertà dalla barbarie. Tutta la Spagna è con le vittime e le famiglie”, ha affermato il primo ministro.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]