AstraDoc, Pannone presenta a Napoli il film “Onde Radicali” e il suo ultimo libro sul cinema

Condividi

Venerdì 25 alle 20:30 al cinema Academy Astra di via Mezzocannone

La lotta per libertà d’espressione e le battaglie politiche dei Radicali sono raccontati dal prossimo film in programma al Cinema Academy Astra a Napoli per la rassegna “AstraDoc – Viaggio nel cinema del reale“. Venerdì 25 marzo alle 20:30 si proietta “ONDE RADICALI” (Italia, 2021, 72′), film documentario del regista Gianfranco Pannone, prodotto da Movimento Film e Ganesh con il MiC e con Sky Documentaries, e scritto con i giornalisti Marco Dell’Omo e Simonetta Dezi.

L’opera, che ha debuttato alla Festa del Cinema di Roma e che è nella shortlist dei dieci documentari candidati al David di Donatello, sarà presentata da Pannone che incontrerà il pubblico della sala di via Mezzocannone insieme alla giornalista Désirée Klain (Direttrice di “Imbavagliati”, Festival internazionale di giornalismo civile), introducendo, inoltre, prima della proiezione, il suo ultimo libro È reale? Guida empatica del cinedocumentarista”, edizione Artdigiland, con il patrocinio dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e il Master in cinema e televisione, con il sostegno di Cinemasud.

“Onde radicali” è incentrato su Radio Radicale, l’emittente che ha contribuito a liberare l’Italia da tabù e pregiudizi. Le voci storiche di una delle prime radio libere italiane si raccontano e fanno rivivere l’avventura giornalistica e politica cominciata nel 1976. Dalla morte di Giorgiana Masi al rapimento del giudice D’Urso fino all’uccisione del giornalista Antonio Russo: sono le storie, spesso controverse, di un Paese e gli ideali di chi voleva cambiarlo. Nel film documentario è anche raccontata la vicenda del Processo, per buona parte svoltosi a Napoli, alla Nuova camorra organizzata che vide negli anni ’80 Enzo Tortora vittima di accuse terribili e ingiuste. Nel film tanti sono i testimoni: Emma Bonino, Francesco Rutelli, Paolo Vigevano, Marco Taradash, Pino Pietrolucci, Antonio Cerone e altri.

AstraDoc cinema Napoli 1Radio Radicale nasce per iniziativa di Pino Pietrolucci, un giovane militante radicale. In una prima fase prevalgono le trasmissioni dedicate alle battaglie libertarie del partito guidato da Marco Pannella: diritti degli omosessuali, liberalizzazione della droga, femminismo, antimilitarismo, aborto, antinuclearismo. Si batte per la trasparenza dei lavori parlamentari e comincia a trasmettere in diretta le sedute della Camera, una novità assoluta per i media italiani. In seguito, con l’arrivo di Paolo Vigevano, l’emittente si trasforma da radio locale in un network nazionale. Negli anni ’90 e 2000 la radio ha continuato la sua missione informativa grazie alla lunga direzione di Massimo Bordin, conduttore di una rassegna stampa mattutina che ha fatto scuola (“Stampa e regime”) e protagonista per molti anni di un programma domenicale con Marco Pannella. Radio Radicale ha dato sempre più spazio all’informazione internazionale. Un suo grande interprete è stato il giornalista Antonio Russo, inviato nei posti più difficili del mondo, che è stato assassinato a Tblisi in circostanze mai chiarite, probabilmente a causa dei suoi reportage sulla Cecenia in cui attaccava a viso aperto le violenze della Russia di Putin.

Gianfranco Pannone, nato a Napoli nel 1963, ha realizzato, lungo più di trent’anni di attività, film documentari con i quali ha ottenuto riconoscimenti in Italia e in Europa. Nastro d’argento speciale nel 2017 e Premio UNESCO nel 2019, tra i suoi lavori più importanti figurano “Piccola America” (1991), “Lettere dall’America” (1995), “L’America a Roma” (1998), “Latina/Littoria” (2001), “Il sol dell’avvenire” (2008), “Ma che Storia…” (2010), “Sul vulcano” (2014), “L’esercito più piccolo del mondo” (2015), “Lascia stare i santi” (2016), “Scherza con i fanti” (2019). Insegna Regia al Master in Cinema e Televisione dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e Cinema del reale al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Da ragazzo ho frequentato i radicali, vivi, coraggiosi e un po’ folli; la stessa “follia” che vedo in questa radio unica al mondo che tanto deve a Marco Pannella e a Massimo Bordin. Ho incontrato sulla mia strada dei magnifici testimoni, da Paolo Vigevano a Marco Taradash… ma sono anche le voci che arrivano dall’archivio della radio a giungermi moderne; oltre a quelle di Pannella e Bordin, la voce di Leonardo Sciascia, per esempio, coscienza critica di un’Italia bella e possibile“. (stralcio dalle note di regia)

Prima della proiezione Pannone presenta il suo ultimo libro “È reale? Guida empatica del cinedocumentarista”. Forte di un’esperienza trentennale e attento ai giovani aspiranti filmmakers, l’autore ci conduce in un originale percorso nell’appassionante lavoro del regista di documentari, che lui ama chiamare “cinedocumentarista”, convinto che lo sguardo documentario sia legato non solo ai contenuti, come impone una vulgata lunga a morire, ma soprattutto al linguaggio delle immagini e al sapiente utilizzo creativo che se ne può fare.

La seconda parte di AstraDoc prosegue fino a Pasqua con diverse opere accompagnate dagli autori. “La macchina delle immagini di Alfredo C.” di Roland Sejko, “Dal pianeta degli umani” di Giovanni Cioni (8 aprile). Mercoledì 13 aprile doppio appuntamento con alle ore 19 ‘Overseas’ di Sung-A Yoon (in collaborazione con il Carbonia Film Festival) e alle 21 ‘Spin Time – Che fatica la democrazia!’ di Sabina Guzzanti (nell’ambito della rassegna “L’Italia che non si vede” di UCCA).

Il biglietto per singola proiezione costa 4 euro. Per l’accesso è necessario il Super green pass. Informazioni e prenotazioni Arci Movie: tel 0815967493, whatsapp 3346895990, [email protected], www.arcimovie.it. “Astradoc – Viaggio nel cinema del reale” è la rassegna curata da Arci Movie con Parallelo 41 Produzioni, Università di Napoli Federico II e Coinor, con il patrocinio del Comune di Napoli.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]