Armando Coppola (Napoli in sinergia): 2,2 miliardi di disavanzo, il governo sciolga il comune di Napoli per manifesta incapacita’

Condividi
Napoli, 15 lug. – «Abbiamo appreso con sgomento la notizia che il Comune di Napoli, negli ultimi anni della sua gestione, ha prodotto un disavanzo di 2,2 miliardi di euro. La Corte dei Conti sta finalmente facendo luce su una amministrazione incompetente e inconcludente che non ha saputo fare altro che mettere in ginocchio le casse comunali. A fronte di un debito spaventoso e dello spettro dell’insolvenza finanziaria che aleggia sempre di più sulle spalle del sindaco de Magistris e della sua Giunta, si fanno ancora delibere per ridurre la Cosap ai soliti amici degli amici, mentre i napoletani sono sempre più tartassati. 
Ci auguriamo che le indagini che la magistratura sta portando avanti vadano fino in fondo per svelare le responsabilità di una amministrazione che non ha saputo fare altro che promettere mari e monti ai cittadini pur sapendo di avere alle spalle una situazione debitoria disastrosa. Il nostro auspicio è che intervenga direttamente il Governo e che decreti lo scioglimento del Comune di Napoli per manifesta incapacità e sperpero delle risorse pubbliche. 
 
Così il presidente di Napoli in Sinergia Armando Coppola sulla grave situazione debitoria del Comune di Napoli.
loading...

NARDONE
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]