Amministrative: Priscilla Salerno, non voglio creare problemi ma parlare di giovani e violenza contro le donne

Condividi

Non sono la politica politicante. Non imbroglio, non rubo, faccio cose serie 

 

“Voglio dare un contributo alla mia città. Ringrazio i socialisti liberali che intendono darmi una possibilità. Spero di non creare problemi a nessuno”. Lo dichiara l’attrice hard ed imprenditrice Priscilla Salerno che sarà in campo, in quota socialista, nella lista Nuovo Psi, Udc, Forza Italia. 

“Capisco le perplessità, ci sono abituata. Le supererò con il lavoro ed a tutti chiederò di misurasi sulle idee. Mi spiace, però, leggere della solita ipocrisia e di falsità, mi spiace leggere ricostruzioni fantasiose.

Da quando ho manifestato la mia volontà di essere in campo ho ricevuto – dice –  diverse proposte. Non ho incontrato nessuno, non ho visto nessun candidato sindaco, ne ho cercato alcuno. E non temo di essere smentita. Ho semplicemente ascoltato chi chiamava poi ho deciso.

In coerenza con le mie battaglie ho scelto il centrodestra moderato.  E chi banalizza mente”.

“Accetto tutte le considerazioni, mi abituo alla ipocrisia galoppante, ma non mi farò mai accostare alla politica cialtrona che – sottolinea – cambia casacca e che elemosina incarichi. Sono una persona di parola, arrivo alla politica per passione e non perché cerco un lavoro. Non ne ho bisogno. Non rubo, non imbroglio, non mento. Ho idee da sviluppare, battaglie che testimoniano il mio impegno. Da anni. 

A tutti dico di parlare delle cose da fare. Da subito e senza inutili polemiche”

“A tutti chiedo di parlare dei rischi del web, delle opportunità per i giovani e della carenza di infrastrutture digitali, di violenza sulle donne e grandi eventi.

Al centrodestra chiedo, dunque, di aprirsi e di non alzare barricate. 

A Michele Sarno di essere il garante di questa mia passione che non deve sconvolgere nessuno” conclude.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]